Antifurto satellitare: come funziona, vantaggi e svantaggi

L'antifurto satellitare è un dispositivo elettronico, un sistema molto efficiente che può essere utilizzato sia per le automobili che per le moto o le biciclette. Scopriamo come funziona nel dettaglio e quali sono vantaggi e gli svantaggi legati al suo utilizzo

L'antifurto satellitare è un dispositivo elettronico che viene installato su un veicolo, per impedire o almeno ostacolare un eventuale furto; grazie ad esso è possibile rendere più agevole il ritrovamento dell'auto rubata. Questo tipo di antifurto funziona sfruttando la rete dei satelliti Gps e consente, quindi, di tracciare il veicolo ovunque si trovi. Inoltre, l'efficacia del dispositivo aumenta se questo viene collegato a una centrale operativa che, in caso di furto del veicolo, avvisa immediatamente le forze dell'ordine. Scopriamo nel dettaglio come funziona.

Funzionamento

Il principio fondamentale di funzionamento alla base del sistema è la tecnologia di localizzazione satellitare accoppiata ad un sistema di trasmissione radio su rete mobile, per cui essenzialmente ogni dispositivo montato su veicolo è un sistema ibrido satellitare-terrestre composto da un ricevitore GPS (o appoggiato ad altro sistema di geolocalizzazione via satellite), una carta SIM ed un'unità di controllo elettronico. Quest'ultima, comunemente chiamata "centralina", nel momento in cui rileva il tentativo di asporto del mezzo sorvegliato, invia un rapporto di evento, corredato delle proprie coordinate geografiche di localizzazione fornite dal ricevitore GPS, tramite rete mobile GSM, ad una centrale operativa collegata al gestore del sistema antifurto (con il quale di regola è stato preventivamente stipulato un apposito contratto di assistenza/servizio). Naturalmente tale centrale operativa provvede ad allertare il proprietario e/o le forze dell'ordine secondo un protocollo di azione prestabilito.

Vantaggi e svantaggi

Un sistema molto efficiente dunque, e può essere utilizzato sia per le automobili che per le moto o le biciclette. Nonostante ciò, presenta comunque dei limiti e dei punti deboli. Prima di tutto, c'è bisogno di un'antenna per comunicare il segnale ai satelliti e, se i ladri sono abbastanza furbi, possono bloccare o disturbare questa trasmissione, spezzando l'antenna stessa o disturbando le onde con specifici apparecchi. Inoltre, alcune volte il segnale non è perfettamente ricevibile, soprattutto se ci si trova in città tra palazzi alti. Non sempre, poi, le forze dell'ordine possono intervenire in tempo per bloccare l'auto in fuga. Per ovviare a questi punti deboli, gli antifurto satellitari più avanzati non fanno affidamento solo sulla connessione, ma prevedono anche una serie di dispositivi aggiuntivi, come strumenti per impedire l'avviamento del motore o il movimento del veicolo. Tutti questi dispositivi, però, hanno un costo abbastanza elevato, e si possono trovare solo su veicoli di fascia medio-alta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid 19: 45 nuovi contagi in Fvg, 11 a Trieste

  • Primo caso a scuola a Trieste, tre docenti e 21 alunni della Gaspardis in quarantena

  • Malore in acqua, il giovane alpinista Gianni Cergol non ce l'ha fatta

  • Sfonda la porta di casa del cugino ai domiciliari e l'accoltella: arrestato

  • Orso bruno avvistato vicino alla ciclopedonale a Draga Sant'Elia

  • Malore sott'acqua a Sistiana: 38enne portato a Cattinara in codice rosso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento