Sanzioni e sospensione della patente, i divieti del Codice della Strada

Secondo alcune statistiche degli ultimi anni fornite dall’Istat, tra i comportamenti errati più frequenti dei guidatori vi sono la distrazione alla guida. Guidare mentre si parla al cellulare è pericoloso. Scopriamo cosa prevede il Codice della Strada e le sanzioni previste

Il Codice della Strada vieta di fare uso durante la marcia di apparecchi radiotelefonici, fatta eccezione per i conducenti dei veicoli delle forze armate, di polizia e quelli adibiti ai servizi di strade, autostrade e al trasporto di persone in conto terzi. 

Soluzioni per uso del cellulare alla guida 

È consentito l'uso di apparecchi a vivavoce o dotati di auricolare che non richiedono per il loro funzionamento l'uso delle mani e purché il conducente abbia adeguate capacità uditive per quanto concerne entrambe le orecchie. Occorre avere, quindi, le mani libere con sistemi vivavoce o auricolari da tenere in un solo orecchio.

Kit vivavoce Bluetooth, informazioni e costi dei migliori modelli per auto in mercato

Conseguenze dell’uso del cellulare in auto

Diversi studi hanno mostrato come le telefonate anche se fatte con il vivavoce inducono sempre in distrazione, aumentano i tempi di risposta ai vari stimoli, si allungano i tempi di reazione, gli spazi di frenata, si riduce la velocità e non si vedono molti cartelli stradali. In definitiva aumenta il rischio di incidenti.

Ritiro della patente per uso del cellulare in marcia

Per gli automobilisti sorpresi alla guida con l'utilizzo di cellulari, è previsto il ritiro della patente solo in caso di recidiva. 

Le multe

Secondo l'articolo 173 del nuovo Codice della Strada, gli automobilisti sorpresi alla guida al cellulare rischiano una sanzione amministrativa che va dai 161 - 647 euro ai 422 - 1.697 euro. Questo vale anche nei casi in cui il guidatore sia fermo allo stop o al semaforo, considerando che in queste situazioni l'auto non si trova in sosta, ma è in marcia. 

Sospensione della patente

La patente, fin dalla prima violazione, verrà sospesa per un minimo di 7 giorni e fino a 2 mesi. In caso di recidività della condotta entro i 24 mesi successivi dalla prima infrazione, le multe aumentano fino a 2.588 euro e la patente può venire sospesa da uno a tre mesi, con decurtazione di punti, da 5 a 10.

Le statistiche delle cause degli incidenti su strada

Secondo alcune statistiche degli ultimi anni fornite dall’Istat, tra i comportamenti errati più frequenti dei guidatori, causa di incidenti, vi sono la distrazione alla guida, il mancato rispetto della precedenza e la velocità troppo elevata (nel complesso il 40,8% dei casi). Le violazioni al Codice della Strada più sanzionate risultano l’eccesso di velocità, il mancato utilizzo di dispositivi di sicurezza e l’uso di telefono cellulare alla guida.

Nuovi divieti

Per contrastare gli incidenti al volante è stata presentata una nuova proposta di legge sul divieto alla guida mentre si sta fumando. Presentata in questi giorni alla Camera, essa punta a modificare il Codice della Strada sperando di ridurre le morti, dovute alla scarsa attenzione durante la guida.
“Ogni anno nel nostro Paese gli incidenti stradali causano oltre 3.000 vittime e ci costano 19,3 miliardi. Il maggior numero avviene quando siamo distratti” ha detto Emanuele Scagliusi, capogruppo del Movimento 5 Stelle in commissione Trasporti. Il mancato divieto di utilizzo di auricolari e di sigaretta alla guida dovrà essere punito con sanzioni severe, fino alla sospensione della patente. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenta esplosione in zona Campanelle, gravissimi due giovani

  • Terrore a Barcola: spari in pineta, è caccia all'uomo

  • Sparatoria con inseguimento a Barcola, arrestato a Grignano

  • Sparatoria ed inseguimento a Barcola, sullo sfondo una storia di droga

  • Spari a Barcola: è un avvocato l'arrestato per spaccio di droga

  • Auto precipita nella scarpata in zona Muggia (FOTO)

Torna su
TriestePrima è in caricamento