rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
TriestePrima

omofobia: dire no con un video - il nuovo lavoro di igor longhi

Corto realizato grazie al crowdfunding per la sensibilizzazione sul problema dell'omofobia e della discriminazione sessuale.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TriestePrima

Non è mai abbastanza tardi per mandare un messaggio contro l'omofobia, e per farlo ci sono mille modi.

Con le parole, si è già versato tanto inchiostro. Con le fotografie, e già molto artisti dell'immagine hanno saputo cogliere con grande sensibilità l'argomento. Adesso qualcuno ha voluto usare la musica e soprattutto un video per dare la sua testimonianza rispetto a un tema che non può e non deve essere mai trascurato.

Igor Longhi, triestino classe 1975, musicista da sempre, fin da quando, adolescente, accarezzava i tasti del pianoforte con una formazione classica, passando poi attraverso diverse esperienze musicali fino ad approdare ad una delle formazioniReggae più rinomate del nostro paese, i Makakojump.

Il giro delle amicizie di Igor è quanto di più eterogeneo si possa immaginare, conseguenza della sua mentalità aperta e priva di qualunque pregiudizio. La provenienza, la cultura, la razza non sono mai stati parametri discriminanti per lui...figuriamoci la scelte sessuali. I cosiddetti "generi" e tutte le classificazioni e le etichette sono sempre state per lui un assurdità incomprensibile.

La paternità fa scattare in lui il desiderio di combattere, a suo modo, l'idea che il figlio possa un giorno ritrovarsi in un mondo ancora schiavo dell'omofobia e delle classificazioni. Per suo figlio Igor sogna un mondo dove l'amore non debba rispondere a schemi, ma solo a sé stesso.

Un gruppo di amici storici è con lui quando decide di attivarsi, e in un magnifico clima di collaborazione, Igor decide di chiedere supporto anche alla rete, attraverso un crowfounding lanciato sul famoso sito Musicraiser. La risposta arriva subito, e il risultato è la realizzazione di un progetto video che non ha precedenti.

In un susseguirsi di immagini molto evocative, nel video sono rappresentate le circostanze drammatiche in cui spesso si trovano le coppie che si amano ma che non corrispondono agli "standard" della nostra società.... "standard" peraltro decisi in base a non si sa quali leggi.

La musica che accompagna il video è una vecchia incisione di Igor al pianoforte, tirata fuori per l'occasione e ancora per questo più significativa ed emozionante.

Venerdì 31 Ottobre è il giorno in cui viene diffuso sulla rete questo video, nato dall'amore, in tutte le sue declinazioni. L'amore per gli amici che si amano, l'amore per un figlio, l'amore per la musica, l'amore per l'arte, l'amore per una parola che si chiama tolleranza.

In un mese il video ha ottenuto quasi 400 condivisioni e più di 12.000 visualizzazioni su facebook.



Sito internet di riferimento: http://www.loveisgenderfree.com

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

omofobia: dire no con un video - il nuovo lavoro di igor longhi

TriestePrima è in caricamento