Il servizio di Continuità assistenziale cambia sede

Da martedì 10 gennaio il servizio di Continuità assistenziale si sposta all'Ospedale Maggiore

Dal 10 gennaio il servizio di Continuità Assistenziale sarà attivo presso l’Ospedale Maggiore nella zona dell’ex pronto soccorso di via Pietà.

COS’E’: È il servizio che garantisce l'assistenza medica per quei problemi per i quali non si può aspettare l'apertura dell'ambulatorio del proprio medico di famiglia o pediatra di libera scelta

Il medico di continuità assistenziale può:

  • effettuare visite domiciliari
  • prescrivere farmaci indicati per terapie non differibili, o necessari alla prosecuzione della terapia la cui interruzione potrebbe aggravare le condizioni della persona
  • rilasciare certificati di malattia in casi di stretta necessità e per un periodo massimo di tre giorni
  • proporre il ricovero in ospedale

COME SI ACCEDE. Per usufruire del servizio si chiama il numero 118.

Il problema deve essere comunicato all'infermiere della centrale 118 che raccorda il medico del servizio con il cittadino.

Il medico di continuità assistenziale può rispondere tramite consiglio telefonico o visita domiciliare.

È responsabilità del medico, sulla base di linee guida nazionali e/o regionali, valutare se è necessaria la visita domiciliare.

E’ importante non dimenticare mai di lasciare il proprio recapito telefonico all'infermiere del 118.

DOVE E QUANDO

Quando chiamare:

Per problemi sanitari emersi di notte o nei giorni festivi e prefestivi, quando il proprio medico curante non è in servizio, e per i quali non si possa aspettare.

Orario in cui è attivo il Servizio di Continuità Assistenziale (ex Guardia Medica)

Orario diurno

giornate prefestive
giornate festive

10:00 - 20:00
  8:00 - 20:00

Orario notturno

in tutte le giornate feriali, prefestive e festive

20:00 -   8:00

Orario straordinario

nelle giornate in cui il proprio medico curante potrebbe essere assente; 
ad esempio, per corsi, convegni e scioperi

 8:00 - 20:00

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TriestePrima è in caricamento