Domenica, 13 Giugno 2021
Notizie dalla giunta

2 Giugno: Riccardi, rimuovere sacrifici della libertà dipenderà da noi

Redipuglia, 2 giu - "La Festa della Repubblica mette insieme le istituzioni e ricorda il sacrificio di coloro che hanno combattuto per la libertà. Simbolicamente oggi il 2 Giugno diventa ancora più importante nel momento in cui ricordiamo coloro che sono caduti e immaginiamo che questa limitazione della libertà e questa emergenza sanitaria possano essere lasciate alle spalle. Dipenderà da tutti noi, dalla responsabilità di continuare a rispettare delle regole e soprattutto di aderire alla campagna vaccinale". Sono parole del vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia Riccardo Riccardi espresse al termine della cerimonia per il 75esimo anniversario di fondazione della Repubblica Italiana al Sacrario di Redipuglia, cerimonia che si è tenuta in maniera sobria nel piazzale Pietre d'Italia antistante il Sacrario senza la partecipazione di pubblico e di associazioni. Tra le autorità di spicco la presenza del ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D'Incà, il quale, a margine dell'evento, ha evidenziato le similitudini con il 2 giugno del 1946, tra l'uscita dalla guerra con un Paese in ginocchio e un'Italia messa oggi in grande difficoltà dalla pandemia, "ma che vede all'orizzonte un momento importante di grande responsabilità comune da parte dei movimenti politici". Alla cerimonia di Redipuglia hanno preso parte il commissario del Governo e prefetto di Trieste Valerio Valenti, il prefetto di Gorizia Raffaele Ricciardi, il sindaco di Fogliano Redipuglia Cristiana Pisano e il generale Ugo Cillo, comandante delle Forze operative Nord dell'Esercito. Nel pomeriggio Riccardi ha preso parte nel giardino di Palazzo Antonini Maseri a Udine in piazza Primo Maggio alla consegna delle onorificenze dell'Ordine "Al merito della Repubblica". La giornata del 2 Giugno si era aperta con l'alzabandiera solenne in piazza dell'Unità d'Italia a Trieste, con la Regione rappresentata dall'assessore Alessia Rosolen, mentre l'ammainabandiera delle 19 vedrà la presenza dell'assessore Pierpaolo Roberti. Alla cerimonia del 2 Giugno di Pordenone, in piazzale Enea Ellero dei Mille, è intervenuto l'assessore regionale Stefano Zannier. ARC/PPH/ma


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

2 Giugno: Riccardi, rimuovere sacrifici della libertà dipenderà da noi

TriestePrima è in caricamento