AGENDA DIGITALE: PANONTIN, RIVOLUZIONE CHE CI FARA' BENE

Pordenone, 30 set - "La rivoluzione digitale potrà soltanto farci bene e dalla reingegnerizzazione dei processi analogici della Pubblica Amministrazione trarremo grandi benefici". È quanto ha affermato l'assessore regionale alle Autonomie locali e al Coordinamento delle Riforme del Friuli Venezia Giulia Paolo Panontin intervenendo nel Municipio di Pordenone alla presentazione di DIGITALmeet, l'evento italiano sull'alfabetizzazione digitale in programma dal 22 al 25 ottobre in Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino.

Manifattura digitale, occasione per la crescita è il titolo della terza edizione che prevede il numero record di 150 speaker, 70 eventi e 45 sedi diverse. La manifestazione, che grazie a Talent Garden Pordenone sbarca per la prima volta in Friuli Venezia Giulia, si presenta come un'occasione di confronto e di messa in rete sulle opportunità del digitale, dalla banda larga e ultralarga alla Fabbrica 4.0, dal mondo delle startup alle nuove frontiere dell'innovazione.

Se sul fronte della banda larga "il principale impegno della Regione Friuli Venezia Giulia è quello di proseguire nel percorso, in via di conclusione per quanto riguarda la parte pubblica, di infrastrutturazione della rete della Pubblica Amministrazione con il completamento di ERMES (Excellent Region in a Multimedia European Society)", Panontin ha però reso noto che "ci sono rilevanti progetti ai quali stiamo per partecipare e che rientrano nel Piano Juncker".

Tra questi figurano finanziamenti a soggetti privati con una partecipazione pubblica finalizzati a superare il divario digitale; collaborazioni con la Provincia di Trento per mettere a fattore comune le migliori esperienze acquisite; un progetto, in collaborazione con Lepida S.p.A., che mira a "consentire una formazione di artigiani che si sono avviati al digitale per diventare realizzatori di reti locali".

Il compito della Regione si traduce in una sfida e consiste, secondo Panontin, nell' "accompagnare il Friuli Venezia Giulia verso la rivoluzione digitale, convinti che sia la chiave di volta per superare anche le difficoltà che attraversa la manifattura classica".

Il sindaco di Pordenone Claudio Pedrotti ha sottolineato l'attualità delle parole simbolo del DIGITALmeet 2015: Scopri, Usa, Crea, Sogna. Proprio il capoluogo della Destra Tagliamento ospiterà il primo dei 15 eventi programmati in Friuli Venezia Giulia, il 22 ottobre alle 11:00 nell'Auditorium della Regione, sul tema della banda ultralarga, con il vicepresidente Sergio Bolzonello e l'assessore Panontin.

Lo stesso Panontin ha un ruolo di regia nell'Agenda Digitale a livello di Conferenza delle Regioni, in quanto al Friuli Venezia Giulia è stato affidato il coordinamento dell'apposita Commissione. Accanto ai filoni del web marketing, della mobilità, dell'impresa artigiana, gli appuntamenti di DIGITALmeet in Friuli Venezia Giulia privilegeranno, come ha spiegato Marinella Dalla Colletta, di Talent Garden Pordenone, la questione dell'educazione, grazie anche al Programma Scretch, che mediante le lavagne digitali delle scuole permetterà ai ragazzi di imparare a essere attivi sulla rete attraverso la creazione di un gioco.

Tra i temi presenti (a Trieste, nella sede di Impact Hub il 24 ottobre, alle 14:00) l'alfabetizzazione digitale dei non più giovani, in un calendario della manifestazione che è ancora in fase di arricchimento, come ha spiegato Gianni Potti, presidente di Fondazione Comunica, perché l'evento nasce dal basso e coinvolge l'ampio arcipelago del volontariato.

Presentatore d'eccezione della conferenza stampa odierna, cui è intervenuto anche lo sponsor FriulAdria, il Robot Nao, realizzato da Media Direct, un umanoide alto 58 centimetri che reagisce agli stimoli esterni e si muove con programmata naturalezza, candidato a diventare più di una mascotte per DIGITALmeet.

ARC/PPH



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Ristori: Bini, domani al via le liquidazioni a oltre 6mila richiedenti

  • Salute: Riccardi, primo confronto su Rar con sindacati medici

  • Ddl 130: Riccardi, riqualificare ex Weissenfels per garantire lavoro

  • Rifiuti: Scoccimarro, riparto da oltre 1 mln per Comuni con discariche

Torna su
TriestePrima è in caricamento