AGRICOLTURA: SHAURLI, TERRANO PRODOTTO BANDIERA DEL CARSO

Portopiccolo di Sistiana, Duino Aurisina (TS), 18 mar - La viticoltura del Carso rilancia la sua identità che potrà affermarsi ulteriormente anche in chiave internazionale attraverso l'attivazione della Denominazione di Origine Controllata (DOC) transfrontaliera del Terrano. Rispetto alla quale ieri è stato compiuto un importante passo avanti, con un sostanziale accordo sul disciplinare tra i viticoltori del Friuli Venezia Giulia e della Slovenia.

Lo ha affermato l'assessore regionale alle Risorse agricole e forestali Cristiano Shaurli intervenendo a Portopiccolo di Sistiana al convegno di apertura di Teranum, Vini rossi del Carso, un evento degustativo al quale hanno partecipato 33 produttori dell'area.

Le assise erano incentrate proprio sulla storicità del Terrano, vino del Carso senza confini, e si sono svolte all'interno del comprensorio turistico di Sistiana. Nel suo intervento, Shaurli si è richiamato alla lettura recente di un vocabolario di dialetto veneziano nel quale si legge che i veneziani distinguevano tra il vino navigato, quello che arriva da terre lontane attraversando i mari, e il Terrano, vino che nasce tra noi.

Un vino che deve il suo nome, come sostenuto dal ricercatore Fulvio Colombo, proprio dalla sua stretta connotazione con il territorio nel quale viene prodotto, carsico, sassoso, e dal quale ricava un carattere forte e robusto, che lo fa apprezzare da parte dei degustatori.

La rinnovata attenzione dei gourmet  e degli appassionati, anche sui mercati internazionali, per questo vino considerato di nicchia, per le sue caratteristiche, ha spinto la Regione, come ha affermato l'assessore, a favorire la costituzione di una DOC internazionale, che abbracci con un unico disegno di promozione del territorio le realtà di produzione dell'Italia e della Slovenia.

E valorizzi, com'è stato ribadito nel convegno, il suo territorio di appartenenza alla sua appartenenza al territorio. "Se il Terrano - ha detto Shaurli - da vino del territorio diventato Terrano, il vino che è solo di questo territorio, è perché nasce dalle rocce del Carso, ed è lambito dal mare: queste caratteristiche non sono italiane o slovene, ma rappresentano l'essenza stessa del Carso".

ARC/CM



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Minoranze: Callari, gli sloveni in Fvg sono a casa loro

  • Vaccini: Riccardi, con centro Tarvisio si potenzia offerta in montagna

  • Sport: Fedriga, valori team Luna Rossa importanti per costruire futuro

  • Ristori: Bini, nuovo bando da 7 mln amplia la platea dei beneficiari

  • Finanze: Zilli, 'Scriptorium' San Daniele brilla per arte e generosità

Torna su
TriestePrima è in caricamento