Mercoledì, 17 Luglio 2024
Notizie dalla giunta

Agricoltura:Zannier, bene avvio attività Cooperativa friulana nocciole

Pordenone, 8 lug - "Sull'avvio di nuove produzioni, le forme di aggregazione come quelle messe in atto con la cooperativa agricola friulana nocciole non solo sono auspicabili ma diventano di fondamentale importanza per dare sostegno ad un settore che potrebbe trovare importanti sbocchi futuri". Lo ha detto l'assessore regionale alle Risorse agroalimentari Stefano Zannier nel corso dell'incontro svoltosi a Basedo di Chions con la realtà che vede collaborare 19 soci proprietari di un centinaio di ettari di terreno dedicati a questa particolare coltivazione. Alla presenza del presidente della cooperativa Marco De Munari e del vicepresidente Carlo Ferrato di Sbrojavacca, l'esponente dell'Esecutivo ha espresso la soddisfazione per l'attività messa in atto. "Quello delle nocciole - ha detto Zannier - è un settore che va esplorato con interesse nell'ottica di dare atto ad una diversificazione produttiva all'interno del Friuli Venezia Giulia. Positivo poi - ha aggiunto l'assessore regionale - il fatto che si sia costituita allo scopo una società cooperativa; in questo modo sono state gettate le fondamenta per operare in modo più solido e stabile sul mercato. L'auspicio è che la base societaria si possa irrobustire nel tempo per dare ancora maggior vigore all'attività imprenditoriale". Zannier ha infine ricordato che la Regione sarà pronta a sostenere con gli strumenti ordinari in vigore l'avvio di questa produzione, dichiarandosi disponibile a valutare eventuali progetti futuri e nuovi investimenti per rendere il comparto ancora più competitivo. Come spiegato all'assessore durante l'incontro, in un'ottica di diversificazione colturale nel territorio, il nocciolo rappresenta una valida opportunità sia per le basse esigenze idriche che per la relativa rusticità della pianta. Essendo una novità per il Friuli Venezia Giulia questa coltura necessita di diversi contributi sia a livello agronomico che di stimolo per permettere agli agricoltori di specializzarsi e rendere la prodizione competitiva a livello economico e qualitativo. L'associazionismo e la costituzione di filiere dedicate richiede una collaborazione da parte delle istituzioni pubbliche quali la Regione, l'Ersa e le associazioni di categoria. Friulana Nocciole ha promosso la formazione di un agronomo specializzato anche in collaborazione con i professionisti delle regioni storicamente vocate a questa coltura, sta istituendo un centro di raccolta e stoccaggio e in futuro di prima lavorazione per prodotti derivati e per la valorizzazione dei sottoprodotti, con l'ambizioso obiettivo di rendere la nocciola friulana un prodotto di riconosciuta qualità. ARC/AL/ma

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agricoltura:Zannier, bene avvio attività Cooperativa friulana nocciole
TriestePrima è in caricamento