rotate-mobile
Sabato, 2 Luglio 2022
Notizie dalla giunta

Agroalimentare: Zannier, i giovani consapevoli valorizzano il primario

Enogastronomia virtuosa è un tutt'uno col prodotto agricolo e garantisce maggiore remunerazione dello stesso prodotto Udine, 4 mar - "Valorizzare il sistema della ristorazione attraverso percorsi virtuosi di formazione e di trasmissione della conoscenza ai giovani studenti, significa valorizzare il prodotto primario, quindi il prodotto agricolo, che con l'enogastronomia è un tutt'uno, specialmente per il Friuli Venezia Giulia. La filiera complessiva, difatti, parte dal campo e arriva sul piatto del consumatore. Oggi più che mai abbiamo la necessità di aumentare il livello di conoscenza e della capacità di valorizzare il prodotto tipico e di qualità: in questo modo sarà garantita una maggiore remunerazione dello stesso prodotto a livello primario". Sono le parole dell'assessore regionale alle Risorse agroalimentari, Stefano Zannier, intervenuto stamane all'evento "Fare Formazione. Cibo per la mente delle future generazioni del settore enogastronomico" all'Isis Bonaldo Stringher di Udine, cui ha preso parte il ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali Stefano Patuanelli. L'iniziativa è stata organizzata dall'Associazione ambasciatori del gusto in collaborazione con Ministero e Rete nazionale istituti alberghieri (Renaia). "Per valorizzare il prodotto primario serve un approccio sia tecnico che culturale da trasmettere agli studenti attraverso percorsi di formazione di eccellenza come quelli che vengono promossi in istituti come lo Stringher. L'iter virtuoso presentato all'Isis di Udine illumina la mente dei giovani allievi, così capaci di guardare al prodotto primario come grande valore, da trasmettere attraverso passione e conoscenza. Una volta adulti, saranno loro a spiegarli e a raccontarli ai loro clienti: facendolo in modo consapevole, valorizzeranno un'intera filiera". Una considerazione anche sui giovani impegnati nel settore primario dell'agricoltura nella montagna del Fvg. "Ritenendo che ci fossero delle aree con maggiore necessità di intervento, per l'agricoltura dei giovani la Regione ha varato una specifica legge (Giovani agricoltori in montagna) che ha avuto rilievo a livello nazionale: siamo riusciti infatti a sostenere gli imprenditori agricoli giovani in montagna con formule contributive assolutamente fuori scala, con copertura dall'80 al 100% - ha detto Zannier -. Abbiamo lasciato ai giovani la libertà di scelta per le iniziative che volessero intraprendere e la possibilità di farlo in modo semplicissimo. In un'area dove tutti ritenevano che non ci fosse interesse abbiamo visto 150 nuove imprese che hanno aderito. Ciò dimostra che nella realtà ci sono ragazzi e ragazze che vogliono investire sul loro futuro anche in agricoltura; bisogna dotarli di strumenti validi, che li mettano nella condizione di essere artefici delle proprie scelte; l'Amministrazione regionale dà loro sostegno". ARC/PT/pph


In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agroalimentare: Zannier, i giovani consapevoli valorizzano il primario

TriestePrima è in caricamento