rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
Notizie dalla giunta

Ambiente: Barcolana Sea Summit apre percorso verso Stati generali

Memorandum di Trieste su area altoadriatica e centroeuropea previsto a primavera

Trieste, 17 set - Il Barcolana Sea Summit diventa la base di partenza ufficiale del percorso che porterà la prossima primavera alla celebrazione a Trieste degli Stati generali dello sviluppo sostenibile dell'alto Adriatico e centro Europa. È il messaggio portato dall'assessore del Friuli Venezia Giulia alla Difesa dell'ambiente in occasione della presentazione del Summit in programma a Trieste dal 5 al 7 ottobre al Trieste Convention Center nell'ambito della Barcolana54 Presented by Generali che affronterà i temi della complessità e dell'interconnessione in relazione all'obiettivo della tutela del mare.

La presentazione si è tenuta oggi nel Palazzo della Regione di Trieste alla presenza del presidente della Società Velica di Barcola e Grignano, che organizza l'evento con la Regione Friuli Venezia Giulia, e del segretario generale dell'InCE (Iniziativa centroeuropea).

Come è stato rilevato dall'assessore regionale alla Difesa dell'ambiente, lo spirito della Barcolana, l'avere in comune lo stesso mare da parte di imbarcazioni di varie categorie, il rispetto di questo elemento, sono tra i principi che hanno portato a voler condividere con Slovenia, Croazia, Carinzia, Veneto ed Emilia Romagna le politiche ambientali del Friuli Venezia Giulia, in una chiave di confronto e collaborazione. L'ambiente non conosce confini e in vista di raggiungere come Regione Friuli Venezia Giulia gli obiettivi del Green deal europeo con almeno cinque anni di anticipo rispetto al 2050 occorre collaborare con l'intera area dell'Alto adriatico ed Europa Centrale.

I temi del Barcolana Sea Summit, rassegna inserita nel programma della grande manifestazione velistica e che sarà introdotta e conclusa dal governatore del Friuli Venezia Giulia, spaziano dalle plastiche alla legge SalvaMare, dalla "economia blu" all'approccio della generazione Z "spiegata agli adulti", quale ambasciatrice di una nuova e "nativa" sensibilità ambientale, fino alla logistica portuale e alle sfide della "Valle dell'Idrogeno", alle azioni messe in campo da aziende per sostenere l'ambiente e proteggerlo: li affronteranno in incontri aperti a tutti imprenditori, rappresentanti di istituzioni, scienziati, divulgatori, attivisti, studenti e insegnanti. Tra i nomi di spicco della tre giorni figurano il matematico Piergiorgio Odifreddi, il filoso Umberto Galimberti, i giornalisti Maria Latella e Gian Antonio Stella, lo scrittore Enrico Galiano e l'attivista Sara Segantin.

Il rappresentante della Giunta del Friuli Venezia Giulia ha evidenziato come nel ricco programma del Summit siano stati inseriti appuntamenti in cui l'Amministrazione regionale potesse illustrare ai cittadini e agli addetti ai lavori le politiche ambientali e di sviluppo di questi ultimi anni, ma anche confrontarsi su quelle che sono le scelte di pianificazione per il futuro, così da lasciare ai nostri figli, nipoti, bisnipoti - è stato rilevato dall'assessore - un pianeta più verde ma al tempo stesso garantire lo sviluppo economico, in questo caso legato in particolare al nostro mare, una risorsa naturale che produce per noi e il nostro Paese una grande ricchezza.

Il Barcolana Sea Summit gode del patrocinio del Parlamento europeo e vedrà il coinvolgimento dell'InCE con un progetto molto concreto sul tema del Golfo di Trieste che sarà svelato a tempo debito.

Gli Stati generali dello sviluppo sostenibile dell'alto Adriatico e centro Europa, che si sarebbero dovuti svolgere a novembre ma che si sono dovuti procrastinare per le criticità del contesto pandemico e internazionale, culmineranno - come ha ricordato l'assessore regionale - con la sigla di un Memorandum legato al nome della città di Trieste destinato a segnare una pietra miliare nelle politiche d'area di difesa dell'ambiente. ARC/PPH/gg



In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ambiente: Barcolana Sea Summit apre percorso verso Stati generali

TriestePrima è in caricamento