Notizie dalla giunta

AMBIENTE: FVG UNISCE PUBBLICO E PRIVATO PER L'EFFICIENZA ENERGETICA

Trieste, 18 maggio - Ridurre il consumo energetico e i costi delle Pubbliche Amministrazioni (P.A.) attraverso finanziamenti privati e il contributo di fondi europei, nell'ottica di un sostanziale rinnovamento nei campi dell'illuminazione stradale, del riscaldamento, ma anche della mobilità, con l'introduzione di un significativo impulso all'uso dei veicoli elettrici.

Questo l'obiettivo perseguito dalla direzione centrale Ambiente ed Energia della Regione Friuli Venezia Giulia che oggi ha organizzato un incontro all'AREA Science Park di Trieste per consultare gli operatori del mercato delle Energy Service COmpany (ESCO) - ovvero quelle società che effettuano interventi finalizzati a migliorare l'efficienza energetica - e gli intermediatori finanziari, quindi le banche.

Come ha spiegato Sebastiano Cacciaguerra, direttore del servizio Energia della Regione, quello odierno ha chiuso un ciclo di incontri dedicati alla costruzione di un percorso che punta in prima battuta alla futura selezione (apertura termini delle manifestazioni di interesse il prossimo giugno) di una serie di progetti presentati dalle P.A. del territorio: Comuni e altri Enti pubblici.

Una volta redatta la lista dei beneficiari verrà avviata la fase dei bandi, che saranno rivolti principalmente alle ESCO, le quali ricoprono il ruolo di soggetti realizzatori, oltre che di finanziatori assieme alle banche. In questo contesto per entrambi il margine di profitto consiste nel risparmio generato, nel corso del tempo, a seguito dell'innovazione apportata.

Nella rete dei finanziamenti è prevista anche la possibilità di poter accedere al Fondo per gli investimenti di assistenza tecnica European Local ENergy Assistance (ELENA) gestito dalla Banca Europea per gli Investimenti (BEI), il cui contributo ha un ordine di grandezza di 1 milione di euro su 20 di costo complessivo.

Un iter  amministrativo elaborato e che nel 2018, in caso di valutazione positiva da parte della stessa BEI, troverà concretamente compimento con l'avvio dei primi lavori e, nel caso della mobilità, di un utilizzo maggiore dei veicoli elettrici.

Particolarmente significativi gli esempi, sia nazionali che europei, di altre esperienze analoghe collocate in una fase più avanzata del procedimento. Per quel che riguarda il panorama italiano è stato citato il progetto sull'efficienza energetica del patrimonio del Comune di Venezia (36 milioni di euro) unitamente a quello dedicato all'illuminazione pubblica e al fotovoltaico di Modena (53 milioni di euro), mentre nell'ambito del trasporto pubblico urbano la città di Madrid avrà in dotazione 1.400 nuovi veicoli elettrici e 1.870 punti di ricarica, per un investimento complessivo di 53 milioni di euro.

ARC/GG/ppd



In Evidenza

Potrebbe interessarti

AMBIENTE: FVG UNISCE PUBBLICO E PRIVATO PER L'EFFICIENZA ENERGETICA

TriestePrima è in caricamento