Ambiente: Santoro-Vito, va rivista nuova zona tutela Isola Cona

Trieste, 20 novembre - "La Giunta regionale sta seguendo con grandissima attenzione la vicenda della dibattuta modifica del piano di gestione dei SI/ZPS Isola della Cona-Foce dell'Isonzo, con particolare riferimento ad una ventilata e ipotetica variazione in merito all'accessibilità o meno alla navigazione e alla balneazione delle zone del Canale Quarantia e dei Caregoni e del conseguente ampliamento della Riserva naturale marina della Foce dell'Isonzo che ne deriverebbe".


Lo hanno rilevato gli assessori regionali al Territorio, Mariagrazia Santoro, e all'Ambiente, Sara Vito.

"Al netto di strumentalizzazioni che non trovano fondamento nei fatti ma solo in allarmismi non giustificati - ha affermato Santoro - l'ampliamento della zona di tutela in discussione non ci convince. A fine mese è prevista una seduta del comitato tecnico-scientifico che chiarirà sicuramente la questione partendo dalla considerazione che l'area di tutela esistente è già oggetto di attenzione e cura da parte delle istituzioni, in linea con quanto già avanzato anche dal comitato faunistico".

"L'impegno della Giunta regionale su questa vicenda - ha osservato da parte sua Vito - è massimo e il nostro obiettivo è di riuscire a trovare la soluzione più condivisa possibile dal territorio, che rappresenti un punto di sintesi ed equilibrio dei diversi interessi in campo. Comprendiamo bene le preoccupazioni del Comune e dei diportisti e assicuriamo il massimo ascolto e la disponibilità a trovare una proposta sostenibile". ARC/COM/pph/fc

 



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Patrimonio: Callari, immobili Regione supporteranno Gorizia 2025

  • Autonomie locali: Roberti a Governo, urgente sblocco concorsi

  • Salute: Riccardi, potenziare servizi autismo è atto di normalità

  • Università: Rosolen, circa 450mila euro per studenti in affitto 2020

  • Salute: Riccardi, con odontoiatria a Monfalcone più risposte

  • Cultura: Gibelli, "Udine Design Week" stimola innovazione e ripresa

Torna su
TriestePrima è in caricamento