AMBIENTE: SARA VITO, STRATEGIA COMPLESSIVA CONTRO CAMBIAMENTI CLIMA

Trieste, 27 nov - "I cambiamenti climatici riguardano tutti noi e per dare una risposta adeguata è necessario un vero e proprio cambio di passo nel modo in cui ci rapportiamo con l'ambiente". A ribadirlo è stata l'assessore regionale all'Ambiente del Friuli Venezia Giulia Sara Vito nel corso del convegno Che tempo farà a Gorizia domani? che si è tenuto oggi nel capoluogo isontino: un incontro organizzato dalla Provincia di Gorizia, con la collaborazione della Regione, per spiegare agli studenti delle scuole superiori cosa sono i cambiamenti climatici e quali azioni si possono compiere per mitigarne gli effetti.

Sara Vito ha illustrato ai giovani studenti - "portatori di nuovi ideali e di nuovi comportamenti di amore e di rispetto per l'ambiente" - le importanti misure di adattamento e mitigazione che l'Amministrazione regionale sta mettendo in campo. "È una partita, quella del cambiamento climatico, che necessita di una strategia complessiva per realizzare politiche, interventi e provvedimenti congruenti e mirati", ha dichiarato l'assessore.

In particolare, ha ricordato il ruolo del Piano Energetico Regionale (P.E.R.), che si pone l'obiettivo di trovare un punto di equilibrio tra il rispetto e la tutela dell'ambiente e le prospettive di crescita e sviluppo, e gli interventi di efficientamento energetico, come quelli sui sistemi di illuminazione pubblica e sulle ristrutturazioni urbane. "Questi interventi - ha concluso Vito - consentiranno di compiere quel passo in avanti che oggi viene chiesto per vincere la sfida per assicurare un ambiente migliore e un futuro alle nuove generazioni".

Per l'assessore all'Ambiente, e vicepresidente della Provincia di Gorizia, Mara Cernic, "il messaggio fondamentale che vogliamo trasmettere in questo incontro è la consapevolezza che ogni nostra azione provoca una reazione nell'ambiente che ci circonda. Dobbiamo pertanto essere consapevoli di ciò per fare in modo che queste azioni siano compatibili con il mondo attorno a noi".

Ed è sotto gli occhi di tutti che anche in Friuli Venezia Giulia negli ultimi decenni si sono verificati dei cambiamenti nell'ambiente, dovuti sicuramente alle modificazioni del clima. Su questo argomento è intervenuto il meteorologo Stefano Micheletti dell'Osservatorio Meteo dell'Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente (ARPA) del FVG.

Per Micheletti le principali evidenze di cambiamento climatico degli ultimi decenni sono la quasi scomparsa dei ghiacciai in Friuli Venezia Giulia, il costante aumento della temperatura media annuale (circa 1-2 gradi centigradi in più negli ultimi 50 anni), il raddoppio dei giorni con temperature superiori ai 30 gradi.

Ma anche il fatto che il 2014 sia stato l'anno più caldo in assoluto degli ultimi 100 anni e che l'estate 2015 abbia presentato ben cinque ondate di calore. Questi andamenti riscontrati in Friuli Venezia Giulia sono coerenti con quanto viene registrato a livello mondiale ed è per questo motivo che sono necessari interventi complessivi di mitigazione e adattamento, non solo a scala globale o regionale, ma anche tramite scelte individuali.

ARC/RM/com



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Vaccini: Riccardi, con centro Tarvisio si potenzia offerta in montagna

  • Ristori: Bini, domani al via le liquidazioni a oltre 6mila richiedenti

Torna su
TriestePrima è in caricamento