rotate-mobile
Notizie dalla giunta

Ambiente: Scoccimarro, fermo iter ampliamento inceneritore Spilimbergo

La società sarebbe in procinto di presentare progetto per nuovo impianto con performance superiori

Trieste, 20 mar - "Gli uffici sono a conoscenza del fatto che la società è in procinto di presentare un progetto relativo a un nuovo impianto, in grado di assicurare performance ambientali superiori. Tuttavia, allo stato attuale, non è stata depositata alcuna domanda in tal senso da parte del gestore".

Lo ha detto l'assessore regionale alla Difesa dell'ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile, Fabio Scoccimarro, rispondendo quest'oggi a un'interrogazione presentata in Consiglio regionale in merito al termovalorizzatore di Tauriano di Spilimbergo.

"È importante sottolineare, in questa sede, che il Piano regionale di gestione dei rifiuti urbani evidenzia la carenza, in Friuli Venezia Giulia, di impianti in grado di valorizzare gli scarti derivanti dalle attività di trattamento del rifiuto urbano residuo (trattato oggi in altre regioni o all'estero) - ha spiegato Scoccimarro -. Nella nostra regione, la quota del rifiuto urbano che chiude il ciclo è destinata prevalentemente a discariche e a inceneritori che hanno scarsi rendimenti energetici: sono impianti, difatti, che si collocano al livello più basso dei criteri di priorità nella gestione dei rifiuti".

"Il Piano energetico regionale indica che è necessario recuperare la risorsa combustibile solido secondario (Css), potenzialmente molto efficiente dal punto di vista energetico e con evidenti benefici economici, evitando il conferimento finale in discarica - ha detto poi Scoccimarro -. Una necessità che diventa ancora più stringente visto il bisogno contingente di indipendenza, del nostro territorio, da produzioni di energia estera. Lo stesso progetto di Piano regionale di gestione dei rifiuti urbani, adottato in via preliminare e attualmente in fase di approvazione, prevede tra i diversi obiettivi la necessità di pervenire all'autonomia nella gestione del rifiuto urbano residuo".

L'obiettivo principale del Piano è l'ottimizzazione della gestione del rifiuto urbano residuo prodotto in regione (e relativo trattamento), sia ricorrendo agli impianti esistenti sia prevedendo la realizzazione dell'impiantistica necessaria alla chiusura del ciclo di gestione sul territorio regionale.

"Il Friuli Venezia Giulia, come ben sappiamo, non è autonomo nella gestione dell'intera filiera dei rifiuti indifferenziati - ha fatto osservare l'assessore -. La mancanza degli impianti regionali di recupero energetico dei sovvalli e del Css determina rischi potenziali in caso di blocco della ricezione, da parte delle altre regioni o degli Stati esteri, come dimostrato in occasione dell'emergenza sanitaria Covid-19".

"La dipendenza della regione dalle disponibilità impiantistiche extra regionali e dalle fluttuazioni dei prezzi di mercato causa l'imposizione di regole e di prezzi di mercato stabiliti da impianti italiani ed esteri, anziché dalle politiche e dalle scelte regionali in materia di rifiuti. Imposizioni che si ripercuotono direttamente sui cittadini del Friuli Venezia Giulia attraverso l'aumento della Tari" ha aggiunto ancora Scoccimarro.

"La proposta di pianificazione relativa alla gestione del rifiuto urbano residuo prodotto in regione prevede l'ottimizzazione della sua fase di trattamento meccanico, per garantire il recupero delle frazioni ancora riciclabili, e la produzione di Css da destinare a un impianto di recupero energetico che consentirà di chiudere il ciclo di gestione dei rifiuti urbani indifferenziati in regione. Se prodotto nel rispetto delle norme, il Css può essere un'alternativa meno inquinante rispetto alle sostanze fossili tradizionali e consente al contempo la produzione di energia termica ed elettrica a costi minori" ha chiuso l'esponente dell'Esecutivo Fedriga. ARC/PT/ma



In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ambiente: Scoccimarro, fermo iter ampliamento inceneritore Spilimbergo

TriestePrima è in caricamento