Ambiente: Scoccimarro, progetto MARLESS per salvaguardia Adriatico

Udine 24 ott - La salute del mare Adriatico è all'attenzione della Regione Friuli Venezia Giulia. La Giunta, infatti, su proposta dell'assessore all'Ambiente, Fabio Scoccimarro, ha deliberato la presa d'atto dell'avvenuta approvazione del progetto 'MARLESS-MARine Litter cross-border awarenESS and innovation actions', già marine Litter, da parte del Comitato di sorveglianza del programma Interreg VA Italia-Croazia.

Un progetto che tratta dello stato di salute del mare Adriatico e mette a disposizione della Regione un budget complessivo di 570 mila euro. Somma ripartita tra le previsioni del FESR (484 mila euro) e un cofinanziamento nazionale garantito dal Fondo di rotazione nazionale, pari a 85 mila euro.

Il progetto MARLESS, come spiega l'assessore Scoccimarro, "mette al centro dell'azione la salvaguardia dell'ambiente marino e la salute dell'uomo".

"Infatti - prosegue - partendo dal monitoraggio dei rifiuti dispersi in mare, studia le dinamiche di trasporto, dispersione, accumulo degli stessi per effetto delle correnti marine".

"MARLESS - precisa l'assessore - individua i punti di accumulo dei rifiuti nell'Adriatico e le traiettorie dei loro spostamenti nelle acque marine".

"Prevede infine - conclude Scoccimarro - la valutazione della presenza delle microplastiche nelle acque del mare Adriatico".

Il progetto, che ha per capofila l'ARPA Veneto, si fonda sul partenariato di tredici soggetti, sette italiani e sei croati, ha una durata di 31 mesi e un budget complessivo di oltre 4 milioni e 244 mila euro. ARC/CM/gg



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Covid: Fedriga, parte da sei Comuni lo screening per isolare positivi

  • Vitivinicoltura: Fedriga, futuro è coniugare qualità e sostenibilità

  • Covid: Fedriga-Riccardi, parte predisposizione piano vaccinale per Fvg

  • Stato-Regioni: Fedriga, vanno rinegoziate quote compartecipazioni Fvg

  • Commercio: Bini, con Sviluppoimpresa un fondo per modernizzare sistema

Torna su
TriestePrima è in caricamento