AMBIENTE: SERRACCHIANI, A TS RIMOSSE PRIME ANTENNE DA CONCONELLO

Trieste, 18 ottobre - Come previsto dal Protocollo d'intesa sottoscritto nel gennaio 2014 tra Regione Friuli Venezia Giulia, Comune di Trieste e soggetti privati che utilizzano gli impianti, sono state spostate le prime antenne per la radio e la televisione dal sito di Conconello al Monte Belvedere. Lo ha reso noto l'Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente (ARPA), precisando che nel frattempo prosegue il riposizionamento di altri ripetitori.

"Su Conconello - ricorda la presidente della Regione Debora Serracchiani, che aveva firmato l'intesa assieme agli assessori regionale e comunale all'Ambiente, Sara Vito e Umberto Laureni - vi era stato un preciso impegno programmatico di questa Giunta, assieme al Comune".

"Le antenne - aggiunge Serracchiani - stanno sparendo dal centro abitato di Conconello. Il Protocollo, prevedendo di delocalizzare i tralicci in un'area lontana dalle case, sta funzionando. In questo modo, nell'interesse dei cittadini e della salute pubblica, gli impianti radioelettrici saranno finalmente gestiti in modo assolutamente conforme alla normativa e nel pieno rispetto dell'ambiente, scongiurando i rischi di un potenziale inquinamento elettromagnetico".

I ripetitori sono stati reinstallati su due nuovi piloni, collocati in un terreno di proprietà comunale in zona Monte Belvedere, lontano dall'abitato. A Conconello, ma in posizione più defilata rispetto alle case, rimarranno solo i grandi tralicci di Rai Way, Mediaset e Telecom.

Alle antenne per ora rimaste, ma per le quali già è previsto il trasferimento, è stata comunque ridotta la potenza emissiva. Di conseguenza, come mette in evidenza l'ARPA che fin dall'inizio ha seguito ogni passaggio della vicenda, già con queste prime misure i valori elettromagnetici monitorati sono pienamente nella norma. In ogni caso l'ARPA continua a monitorare con costanza la situazione per evitare possibili sforamenti e dunque scongiurare ogni eventuale effetto sulla salute della popolazione residente.

"Abbiamo affrontato con grande determinazione una questione che si trascinava da anni - spiega l'assessore Vito - e siamo arrivati allo storico risultato con la realizzazione del nuovo traliccio sul Belvedere e il graduale trasferimento dei ripetitori". "In questo modo diamo una risposta forte alla preoccupazione dei residenti", conclude Vito, ricordando che "il Piano di risanamento dall'inquinamento elettromagnetico predisposto dalla Regione ha posto l'attenzione su questo sito che necessitava di un intervento importante".

ARC/COM/fc

 



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Salute: Riccardi, primo confronto su Rar con sindacati medici

  • Corpo forestale: Zannier, confermati funzioni e compiti

  • Ristori: Bini, domani al via le liquidazioni a oltre 6mila richiedenti

  • Covid: Riccardi, macchina vaccinale Fvg modulata a flussi consegne

  • Omnibus: Callari, soddisfazione per approvazione norme Cuc e demanio

  • Ristori: Bini, da Commissione ok a fondi per frasche, osmizze, private

Torna su
TriestePrima è in caricamento