AMBIENTE: VITO, OK A CRITERI LOCALIZZAZIONE IMPIANTI GESTIONE RIFIUTI

Trieste, 11 ott - La Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia, su proposta dell'assessore all'Ambiente Sara Vito, ha preso atto del Piano regionale di gestione rifiuti - Progetto di criteri localizzativi regionali degli impianti di recupero e smaltimento dei rifiuti, per il quale viene avviato il procedimento di Valutazione Ambientale Strategica (VAS).

"Il documento è lo strumento che definisce i criteri per l'individuazione, da parte delle Province, delle aree idonee e non idonee alla localizzazione degli impianti di smaltimento e di recupero dei rifiuti - ha spiegato l'assessore - e costituisce il riferimento generale, a livello regionale, per la pianificazione in materia di rifiuti urbani, speciali, pericolosi e non pericolosi".

"Con questo documento - ha puntualizzato Vito - non andiamo a individuare le zone idonee o meno a localizzare gli impianti ma definiamo le caratteristiche che queste aree devono avere. È uno strumento per fare chiarezza e facilitare il rapporto tra pubblico e privato".

Nel testo si prevede che la gestione dei rifiuti avvenga senza determinare rischi per l'acqua, l'aria, il suolo, nonché per la fauna e la flora, senza causare inconvenienti da rumori o odori e senza danneggiare il paesaggio e i siti di particolare interesse. La localizzazione degli impianti di trattamento dei rifiuti da parte di soggetti pubblici, nello specifico le Province, o privati dovrà pertanto considerare i vincoli e le limitazioni di natura fisica, tecnica, ambientale, sociale, economica e politica che concorrono ad assicurare un impatto ambientale sostenibile, a prevedere idonee misure di compensazione, a rispettare le fasce di rispetto imposte dalla normativa e a garantire l'accettazione da parte dei cittadini.

Vengono previsti diversi livelli di tutela: dalla preclusione totale di ogni possibile insediamento di impianti a causa della presenza di vincoli derivanti dalla normativa nazionale e regionale o di condizioni oggettive locali di incompatibilità a un livello di attenzione che non esclude la localizzazione dell'impianto ma impone specifiche prescrizioni in funzione delle criticità ambientali presenti, fino all'individuazione di elementi di idoneità e opportunità che rendono preferenziale la scelta di un sito.

ARC/RU



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Riaperture: Fedriga, da Regioni ok a linee guida

  • Minoranze: Callari, gli sloveni in Fvg sono a casa loro

  • Sport: Fedriga, valori team Luna Rossa importanti per costruire futuro

  • Ristori: Bini, nuovo bando da 7 mln amplia la platea dei beneficiari

  • Turismo: Fedriga, da Regioni criteri riparto 700 mln a Comuni aree sci

Torna su
TriestePrima è in caricamento