Assestamento: 12 mln ad interventi per imprese, commercio e turismo

Trieste, 29 lug - Ammonta complessivamente a 12 milioni di euro la manovra di assestamento di bilancio dedicata alle attività produttive e approvata dall'Aula nella seduta pomeridiana odierna.

Per far fronte agli effetti dell'emergenza sanitaria, la norma stabilisce che i contributi concessi nel 2019 per eventi turistici e di valorizzazione del territorio, non realizzati nel corso del 2020, potranno essere fruiti per attività da realizzare nel 2021.

Tra i vari provvedimenti, un emendamento proposto dalla Giunta regionale assegna mezzo milione di euro per l'anno 2020 alle società di gestione delle fiere regionali a copertura delle riduzioni di fatturato, dei maggiori oneri sostenuti o delle spese di rilancio e riprogettazione di manifestazioni fieristiche, in considerazione del blocco delle attività a causa della pandemia.

Le risorse sono concesse a condizione che venga presentato un "piano strategico di progressiva integrazione per la gestione coordinata degli eventi fieristici", senza il quale la Regione non rilascerà alcun contributo. L'obiettivo dell'Amministrazione regionale è di dare avvio a un percorso di aggregazione tra enti fieristici con l'auspicio che questo sia un primo passo per giungere a un unico Ente Fiera Fvg.

In vista dell'evento Eyof Fvg 2023, festival olimpico della gioventù europea, è concesso un finanziamento di un milione di euro per la manutenzione e l'adeguamento dell'impianto sportivo "Palapredieri", il palaghiaccio di Piancavallo di proprietà di PromoTurismoFVG, ente che realizzerà l'intervento.

L'assestamento sblocca inoltre circa 1,7 milioni di risorse già assegnate ai Catt Fvg per lo scorrimento della graduatoria delle domande presentate nel 2019 per gli incentivi di cui all'articolo 100 della legge regionale 29/2005 a favore delle piccole e medie imprese commerciali, turistiche e di servizio. Le risorse si aggiungono agli 1,3 milioni già previsti, raggiungendo una copertura del 60 per cento della graduatoria. Nello specifico, si tratta dei contributi previsti per lavori di ammodernamento, ampliamento, ristrutturazione e straordinaria manutenzione, acquisto di arredi, attrezzature e strumentazioni (anche per pagamenti in moneta elettronica e per il commercio elettronico), sistemi di videosorveglianza e sicurezza innovativi e per l'accrescimento dell'efficienza energetica; strumenti, programmi e servizi per il commercio elettronico; partecipazione a mostre, fiere, esposizioni e manifestazioni commerciali; corsi di formazione del personale destinato alla gestione dei siti di commercio elettronico.

Infine, quanto agli incentivi concessi sul Fondo Turismo, è consentita la proroga al 31 dicembre 2020 dei termini previsti per la conclusione dell'iniziativa e per la relativa rendicontazione. ARC/SSA/dfd



In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TriestePrima è in caricamento