rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
Notizie dalla giunta

Assestamento: a Risorse agroalimentari e Montagna 63,9 mln

Sostegno a imprese contro lotta siccità e conseguenze guerra russo-ucraina

Trieste, 27 lug - Le Risorse agroalimentari, ittiche e forestali e la Montagna possono contare nell'assestamento di Stabilità regionale su quasi 64 milioni di euro complessivi, con i quali vengono rafforzati gli impegni di spesa per interventi già attivati negli anni scorsi ma anche predisposte azioni per far fronte alle criticità causate dal lungo periodo siccitoso.

È la sintesi dell'assessore regionale competente sulla manovra estiva in corso di approvazione in Consiglio regionale.

Come ha evidenziato il rappresentante della Giunta, la dotazione del Fondo di rotazione per interventi nel settore agricolo viene incrementata di oltre 26 milioni per dare continuità alle iniziative maggiormente utili per le imprese e per il Programma anticrisi conflitto russo-ucraino. In continuità con il Programma anticrisi Covid, varato nel 2020 e ormai conclusosi, è stato istituito un nuovo Programma anticrisi con la legge regionale 7/2022, appena approvata, per dare risposta alle imprese agricole e agroalimentari in conseguenza della situazione di difficoltà economica determinata dall'attuale quadro internazionale.

Ulteriori 8 milioni sono previsti, attraverso lo strumento della "conversione in sovvenzione", per l'acquisto di attrezzature e macchinari da parte delle imprese agricole. Per quanto riguarda gli interventi infrastrutturali da realizzare attraverso i Consorzi di bonifica, accanto ai 5 milioni per nuove opere pubbliche di irrigazione, è stato previsto lo stanziamento di 18 milioni per la realizzazione di un programma straordinario di investimenti strategici a tutela del fabbisogno irriguo. Per fronteggiare i sempre più preoccupanti cambiamenti climatici e contenere gli effetti di future emergenze legate alla siccità, l'Amministrazione regionale punta sull'esecuzione di invasi di raccolta dell'acqua o al ripristino della funzionalità di quelli esistenti, secondo un programma che sarà proposto dai Consorzi di bonifica e permetterà anche il completamento di interventi per l'efficientamento della rete irrigua.

Sempre in tema di lotta ai danni da siccità, si segnalano ulteriori risorse per un importo complessivo di 250mila euro, 100mila destinati ai Consorzi di Bonifica per predisposizione di progetti di fattibilità per la realizzazione di opere necessarie al recupero di risorse idriche per finalità irrigue e a garanzia del deflusso vitale minimo. A questi si aggiungono 150mila a Ersa per la realizzazione di un campo dimostrativo a dimensione aziendale con sistemi irrigui ad alta efficienza che potenzierà ulteriormente le iniziative avviate dall'Amministrazione regionale per ottimizzare l'impiego dell'acqua a uso agricolo soprattutto nei periodi siccitosi, i cui risultati, come ha assicurato l'assessore, saranno toccati con mano dagli addetti ai lavori.

Fra le altre risorse che vengono ora messe a disposizione, spiccano 2 milioni per i contributi finalizzati alla riqualificazione delle malghe; 2 milioni per lo scorrimento della graduatoria per gli investimenti nei Comuni montani e 1 milione per il rifinanziamento del bando per la biosicurezza negli allevamenti di suini, al fine di prevenire i rischi di contagio da peste suina africana (Psa). Infine 650mila euro sono destinati all'acquisto di beni immobili finalizzati al ripristino naturalistico dell'area naturale dell'Isola della Cona e 500mila euro al Parco dolomiti friulane per far fronte a danni derivanti dagli eventi metereologici dell'ultimo periodo. ARC/PPH/al



In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assestamento: a Risorse agroalimentari e Montagna 63,9 mln

TriestePrima è in caricamento