Notizie dalla giunta

Att. produttive: Bini, centro servizi Meduno è esempio collaborazione

L'opera nell'area industriale realizzata anche grazie a 1,1 mln della Regione Meduno, 14 lug - "Un ottimo esempio di collaborazione tra aziende, Consorzio, territorio e Regione, che dà un servizio alle realtà insediate nella zona industriale ma che ben si presta anche in un'ottica di sviluppo turistico di questa area del pordenonese poiché crocevia di un sistema di interconnesioni della rete stradale, ciclabile e pedonale". Così l'assessore regionale alle Attività produttive Sergio Emidio Bini ha definito il nuovo centro servizi realizzato dal Nip all'interno dell'area industriale di Meduno ed inaugurato oggi alla presenza del sindaco Marina Crovatto, di numerosi altri primi cittadini della zona, del presidente del Consorzio Renato Piazza e del presidente di Confindustria Alto Adriatico Michelangelo Agrusti. L'opera è stata resa possibile grazie anche al sostegno economico ricevuto dalla Regione, pari a circa 1,1 milioni di euro. L'intervento ha visto interessata un'area della superficie complessiva di 14.800 metri quadrati, dove sono stati ricavati 11 stalli per autoarticolati e 340 riservati alle autovetture e due per gli autocaravan. Inoltre è stato realizzato un edificio di quasi 1.000 metri quadrati all'interno del quale trovano ubicazione una sala attrezzata ad uso mensa per i camionisti in sosta, un bagno con docce e servizi igienici per il pubblico. L'area è protetta da sistema di videosorveglianza ed è energeticamente autosufficiente grazie ad un impianto fotovoltaico dedicato. L'accesso ai servizi avviene utilizzando un badge rilasciato ai clienti e fornitori dalle ditte insediate nella zona industriale. "Quello avviato con l'inaugurazione di oggi - spiega l'assessore - è un ottimo esempio di collaborazione tra Regione, Consorzio ed aziende. L'Amministrazione regionale ha inteso finanziare questo investimento per implementare i servizi presenti all'interno della zona industriale di Meduno, rafforzando le attività gestite dal Nip. Ciò testimonia la virtuosità dell'azione operativa svolta dai consorzi, veri e propri bracci operativi della Regione, i quali - con la legge di riforma che li ha interessati - valorizzano le politiche industriali messe in atto in Friuli Venezia Giulia". "In questo specifico caso - ha aggiunto Bini - l'incremento dei servizi a Meduno ha un duplice significato: da un lato si va a rafforzare l'attività degli imprenditori che si sono insediati in questa zona e, dall'altra, si sostiene lo sviluppo economico in un territorio con indubbi riflessi positivi anche sull'occupazione. Questa area ha infatti anche una valenza turistica poiché si inserisce in un piano più ampio di sviluppo del territorio che vedrà il potenziamento della zona industriale con interconnessioni al sistema di viabilità pedonale, ciclabile e su rotaia che la Regione sta sviluppando lungo la pedemontana pordenonese". L'infrastruttura è stata sviluppata a seguito di una attenta analisi dell'evoluzione della zona Industriale di Meduno, all'interno della quale operano più di 700 dipendenti. L'area, una delle 5 gestite dal Nip nella Destra Tagliamento, seppur 'piccola' come estensione (meno di 10 ettari) ha un importante tasso di occupazione ed è oggetto di diverse richieste di insediamento. ARC/AL/ma


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Att. produttive: Bini, centro servizi Meduno è esempio collaborazione

TriestePrima è in caricamento