Martedì, 23 Luglio 2024
Notizie dalla giunta

Att. Produttive: Bini, non solo risorse ma strumenti sostegno imprese

Udine, 25 set - "La Regione dispone non solo di risorse ma anche di strumenti importanti per sostenere le imprese, ad esempio, erogando finanziamenti a condizioni vantaggiose e fuori mercato. A breve ci sarà l'assestamento bis e l'obiettivo è quello di focalizzare la nostra azione sulla necessità delle imprese di avere disponibilità di cassa. Punteremo quindi ad incrementare le dotazioni dei fondi di rotazione e stiamo pensando a misure per neutralizzare il costo del denaro per le imprese colpite dalle calamità legate al maltempo. Per far fronte a quest'ultima emergenza la Regione ha già degli strumenti in essere". Così l'assessore regionale alle Attività produttive e Turismo, Sergio Emidio Bini, durante l'incontro con gli imprenditori iscritti alla Confederazione italiana della piccola e media industria (Confapi) oggi nella sede dell'associazione a Udine in cui si è dato conto anche dell'impegno della Giunta regionale a favore delle imprese colpite dagli eventi calamitosi dello scorso luglio. "Fra gli strumenti - ha detto Bini - si inseriscono i finanziamenti agevolati "Investimento e sviluppo". Si tratta di prestiti con durata fino a 25 anni, con ammontare compreso tra 25 mila e 4 milioni euro, che assicurano la copertura massima dell'80 per cento del programma di investimento ammissibile. I tassi sono fissi e vanno dall'1,2 all'1,3 per cento. Al finanziamento agevolato si affianca la possibilità di richiedere anche la concessione di una contribuzione integrativa a fondo perduto per l'abbattimento degli oneri finanziari, così da ridurre ulteriormente il costo del credito agevolato". "Chiaramente - ha specificato l'assessore - la Regione può poco di fronte alle stime dei danni causati dal maltempo che, solo per quanto riguarda le imprese, superano quota 200 milioni di euro. Nell'ultimo assestamento sono stati messi a disposizione 50 milioni di euro e, come ribadito anche dal governatore Fedriga, l'obiettivo è quello di aumentare questa disponibilità". "In attesa di comprendere le risorse governative, da domani si partirà con la ricognizione dei danni subiti dalle imprese" ha aggiunto Bini ricordando che fino al 26 ottobre prossimo, tramite il portale della Protezione Civile le imprese potranno compilare le istanze sui danni subiti. L'assessore ha anche fatto il punto sulle misure contributive per attivare i 180 complessi produttivi degradati il Masterplan, realizzato nell'ambito della legge SviluppoImpresa e approvato nella scorsa legislatura. In queste aree abbandonate è ora possibile attivare una serie articolata di misure di sostegno. "Pur avendo individuato formalmente i siti dismessi solo alla fine dello scorso novembre, tutti i bandi dedicati sono stati aperti, consentendo pertanto la raccolta di importanti progettualità - ha indicato Bini -; l'intendimento è quello di proseguire su questa linea, creando le condizioni per rendere strutturali e sempre più efficaci le azioni per il recupero dei siti degradati". L'esponente della Giunta Fedriga ha anche ribadito la volontà di un costante aggiornamento del Masterplan, tanto che a breve sarà portata all'attenzione della Giunta una deliberazione che permetta di implementare l'elenco dei complessi produttivi degradati con ulteriore due siti. "La Regione - ha concluso Bini - dispone di risorse importanti ma è capace di mettere in campo anche strumenti innovativi, come il recente bando per l'autoproduzione di energia rinnovabile, che vede già il 50% delle pratiche licenziate. A dicembre puntiamo a far uscire un nuovo bando per contributi a fondo perduto per digitalizzazione Pmi". ARC/LP/al

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Att. Produttive: Bini, non solo risorse ma strumenti sostegno imprese
TriestePrima è in caricamento