rotate-mobile
Notizie dalla giunta

Att. produttive: Regione, da sempre attenta a commercio ambulante

Lignano Sabbiadoro, 24 ago - In merito al rinnovo delle concessioni commerciali su area pubblica, che sta mettendo in difficoltà tutte le Regioni italiane e che è stata più volte dibattuta sui tavoli tecnici e politici di confronto, è stata operata da taluni una strumentalizzazione politica di una vicenda complessa.

E' quanto afferma la Regione, attraverso l'assessore alle Attività produttive, ribadendo che il commercio ambulante è sempre stato considerato un valore aggiunto da parte della Giunta regionale.

L'attenzione al comparto è anzitutto già stata dimostrata concretamente inserendo gli ambulanti fra i beneficiari dei diversi bandi ristori Covid messi in campo con risorse regionali che, sommate, portano a oltre 70 milioni gli euro messi a disposizione degli imprenditori: si tratta di risorse che non hanno eguali in proporzione al numero di abitanti del Friuli Venezia Giulia.

Nell'ambito della strategia politica che ha riformato anche il commercio con la legge SviluppoImpresa, la Regione ha introdotto i Distretti del commercio che potranno contribuire a valorizzare anche i mercati.

Sul tema specifico delle concessioni la Giunta del Friuli Venezia Giulia non è rimasta inerte, ma ha promosso un approfondimento tecnico sostanziale, investendo della questione "ambulantato" la Conferenza Stato-Regioni tramite la competente Commissione.

Sono state ascoltate proattivamente le voci delle associazioni di categoria che si sono rese disponibili al dialogo e impegnato gli uffici regionali a supportare i Comuni nel districarsi in un panorama normativo magmatico e segnato da sentenze giurisprudenziali a volte di non immediata comprensione.

La Giunta regionale ha sempre avuto ben presente le necessità delle Amministrazioni comunali, ma soprattutto quelle delle imprese che operano sul territorio, non solo sostenendole negli anni della pandemia con fattivi strumenti di incentivo e ristoro, ma anche promuovendo a più riprese linee contributive dedicate al sostegno della loro competitività sul mercato e ai loro investimenti nella crescita. Oltre 350 milioni di euro sono stati complessivamente stanziati dal 2018 ad oggi.

Sullo specifico tema delle concessioni mercatali, attesa la confusione ingenerata dalla normativa nazionale in tema di rinnovi di concessioni esistenti e rilascio di nuove connessioni, introdotta con il D.L. n. 34/2020, convertito in Legge n. 77/2020, e che ha portato una situazione di evidente conflittualità sociale, la Regione intende intervenire anche in via legislativa per uniformare il comportamento delle Amministrazioni comunali, nel rispetto della loro autonomia, e individuare in tempi ragionevoli modalità applicative omogenee e condivise negli strumenti, chiarendo in via definitiva il panorama normativo di riferimento.

Il percorso intrapreso finora ha reso evidente in modo concreto l'impegno dell'Amministrazione regionale rispetto alle politiche commerciali, per cui non sono accettabili - ha concluso l'assessore - lezioni da chi intende solamente strumentalizzare una questione invece molto complessa e articolata che la Regione sta affrontando come sempre con la dovuta attenzione. ARC/Com/EP/pph



In Evidenza

Potrebbe interessarti

Att. produttive: Regione, da sempre attenta a commercio ambulante

TriestePrima è in caricamento