AUT. LOCALI: PANONTIN, OK A REGOLAMENTO FONDO PEREQUATIVO COMUNI

Trieste, 6 nov - La Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia ha approvato oggi in via definitiva, su proposta dell'assessore alle Autonomie locali Paolo Panontin, il Regolamento che determina criteri e modalità di assegnazione, per il solo 2015, di un Fondo perequativo straordinario a favore dei Comuni che fanno parte di Unioni Territoriali Intercomunali (UTI). Il Fondo, già previsto dalla legge regionale 18/2015 di Riforma della Finanza locale, ammonta a 16.226.606,51 euro.

Rispetto allo schema preliminare di Regolamento, licenziato dalla Giunta lo scorso 23 ottobre, la versione definitiva accoglie una modifica sollecitata dal Consiglio delle Autonomie Locali (CAL) che mantiene l'impianto complessivo della manovra perequativa e il principio di introdurre il criterio del fabbisogno oggettivo a fronte a quello della spesa storica, ricalibrando in chiave di maggior gradualità le assegnazioni, previste all'articolo 3.

Nel dettaglio, il 30 per cento del Fondo (pari a 4,8 milioni) viene ripartito per 1 milione tra quei Comuni che hanno un valore di trasferimento ordinario pro capite inferiore a quello medio regionale, ossia ricevono dalla Regione meno di 258,89 euro per cittadino residente, mentre 3,8 milioni spettano a tutti i Comuni in misura proporzionale alla popolazione residente.

Il 70 per cento del Fondo perequativo risponde invece a criteri che tengono conto della presenza di anziani (4 milioni ai Comuni in proporzione alla popolazione di età uguale o superiore ai 65 anni rispetto al totale della popolazione), della presenza di giovani (4 milioni ai Comuni in proporzione alla popolazione di età uguale o inferiore a 14 anni), del tasso di disoccupazione (2,4 milioni) e della percentuale di superficie montana (0,8 milioni).

ARC/PPH



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Ristori: Bini, domani al via le liquidazioni a oltre 6mila richiedenti

  • Salute: Riccardi, primo confronto su Rar con sindacati medici

  • Ddl 130: Riccardi, riqualificare ex Weissenfels per garantire lavoro

  • Rifiuti: Scoccimarro, riparto da oltre 1 mln per Comuni con discariche

Torna su
TriestePrima è in caricamento