Notizie dalla giunta

AUT. LOCALI: PANONTIN, SU TASI REGIONE NON HA COMPETENZA

Pordenone, 26 nov - "La Regione Friuli Venezia Giulia non possiede competenza sul rimborso statale del gettito TASI sulla prima casa, mentre gli spazi di azione integrata con i Comuni sussistono su altri temi, tra cui le modalità di riparto delle quote perequative dalla Regione".

Lo ha affermato l'assessore regionale alle Autonomie locali Paolo Panontin chiarendo alcuni punti che erano stati sollevati nel dibattito sulla legge di Stabilità regionale dall'Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI). "Sulla Tasi, il rimborso ai Comuni del gettito venuto meno spetta allo Stato e secondo il disegno di legge (ddl) nazionale di Stabilità avverrà tramite la Regione, attraverso una compensazione dell'extragettito IMU", ha precisato Panontin. Pertanto, su questa partita "la Regione non ha possibilità di incidenza alcuna, dovendo applicare quanto stabilito dallo Stato".

Un chiarimento viene dall'assessore anche sulla quota complessiva dei trasferimenti 2016 agli Enti locali che secondo l'ANCI sarebbe sottostimata perché agganciata alla media dell'ultimo triennio, anziché dell'ultimo biennio. "La discussione che portò all'intesa sulla percentuale del 13,21 per cento delle entrate regionali da destinare agli Enti locali - ha ricordato Panontin - accoglieva la proposta condivisa di operare una media tra iniziale e assestato per ciascun anno dal 2012 al 2015 e successiva media delle medie annuali".

In ogni caso, "se si confrontano le risorse assicurate per i soli Comuni, queste per il 2016 sono previste in 358,3 milioni (352,8 ordinario corrente e 5,5 investimenti) rispetto ai 358,2 del 2015, conteggiati al netto del contributo di 10 milioni di extragettito e del primo fondo perequativo di 16 milioni e quindi in aumento di 100.000,00 euro rispetto all'assestato 2015".

Per quanto riguarda le modalità di riparto dei 50 milioni di perequazione, "i criteri saranno decisi con Regolamento regionale, d'intesa con il Consiglio delle Autonomie Locali (CAL). La Giunta regionale - ha assicurato Panontin - si impegna a elaborare detto Regolamento entro tre mesi".

Tuttavia, "occorre precisare che l'incertezza sul quantum spettante ai singoli Comuni è solo parziale, in quanto il dato storico dei trasferimenti regionali abbinato a quello del fondo perequativo 2015 permette di costruire previsioni attendibili già a inizio anno secondo criteri prudenziali".

Sul tema del fondo degli investimenti manutentivi ripartiti a metà tra Comuni e Unioni Territoriali Intercomunali (UTI), secondo Panontin "la proposta dell'ANCI di ridisegnare le quote a favore dei Comuni potrebbe essere percorribile. Nel caso, ad esempio, di un 80 per cento ai Comuni, i Comuni stessi acquisirebbero 3,3 milioni in più, ma la valutazione è di natura politica".

Le questioni sollevate, ha rilevato infine l'assessore, "possono essere affrontate, a differenza del caso TASI, ove può espandersi la nostra competenza primaria in materia di Sistema integrato Regione-Autonomie locali, tenendo però presente che le modifiche costituzionali recenti, tra cui quella sul pareggio di bilancio, hanno spostato importanti competenze nella sfera esclusiva dello Stato".

ARC/PPH/RM



In Evidenza

Potrebbe interessarti

AUT. LOCALI: PANONTIN, SU TASI REGIONE NON HA COMPETENZA

TriestePrima è in caricamento