Aut. Locali: Roberti, Regione cede spazi per 10 assunzioni in Comuni



Trieste, 12 giu - La Regione concederà propri spazi finanziari ai Comuni per consentire loro di assumere 10 nuovi dipendenti con i quali garantire la continuità dei servizi erogati. Lo ha deciso l'esecutivo del Friuli Venezia Giulia approvando una generalità al riguardo illustrata ai colleghi di giunta dall'assessore alle Autonomie locali Pierpaolo Roberti.

A tal proposito, già ad ottobre dello scorso anno la Regione aveva deciso di ridurre la propria capacità assunzionale per un importo pari a circa 2,5 milioni, destinandola agli Enti Locali. Allora vennero ceduti gli spazi ad alcuni Enti del Comparto per necessità urgenti di assunzione di personale. In particolare a beneficiarne furono i Comuni di Pocenia, Santa Maria la Longa, Dolegna Del Collio e Villesse.

"Attualmente - spiega l'assessore Roberti - la capacità assunzionale della Regione riservata agli Enti locali, al netto del valore degli spazi già ceduti, è pari a 2,3 milioni di euro. Ora altri enti locali ci hanno inviato richieste di cessione di spazi assunzionali per un valore complessivo pari a 361 mila euro circa, con i quali si potranno coprire le spese per l'entrata in servizio di complessivi 10 nuovi dipendenti. A presentare l'istanza sono stati l'Uti Agro Aquileiese (per assunzione di due dipendenti) e i Comuni di Sappada (3 unità), Savogna D'Isonzo (1), Camino al Tagliamento (1), Carlino (2) e Corno di Rosazzo (1)".

"Riscontrando le esigenze manifestate dal territorio - prosegue Roberti - con questo atto abbiamo quindi voluto dare un segno di vicinanza agli Enti locali del Friuli Venezia Giulia, consentendo a quanti hanno fatto richiesta, di garantire la continuità dei servizi, accertata la loro grave carenza di personale. Questa disponibilità dovrà essere utilizzata entro il 31 dicembre, al fine di non sottrarre spazi al sistema ed in modo da poterli, nel caso, rimettere a disposizione delle esigenze del Comparto". ARC/AL



In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TriestePrima è in caricamento