Autonomia: Fvg favorevole a diritto Regioni a gestire servizi



Roma, 3 apr - Il Friuli Venezia Giulia metterà a disposizione delle altre Regioni la propria esperienza per contribuire al loro conseguimento di maggiori quote di autonomia: un percorso che vuole così riaffermare la possibilità per ogni amministrazione di poter gestire in proprio l'erogazione di servizi ai cittadini.

Presente a Roma con i suoi massimi vertici all'incontro che ha animato stamane il confronto tra il Ministero degli Affari Regionali e i governatori, l'amministrazione ha ricordato come il concetto di specialità non esprima un'idea statica bensì dinamica, come peraltro dimostrato proprio dal Friuli Venezia Giulia che, dal 1963 a oggi, ha visto modificati numerosi parametri di compartecipazione con Roma.

Ed è proprio su queste premesse che poggia infine la volontà dell'Esecutivo regionale di veder ampliati anche i propri margini di autonomia, come peraltro già contemplato dai Patti finanziari sottoscritti con il Governo a fine febbraio, riconoscendo così la virtuosità nella gestione delle finanze pubbliche che ogni anno garantisce piena copertura a importanti capitoli di spesa, primo su tutti quello sanitario. ARC/DFD/ppd



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Covid: Fedriga, serve evidenza scientifica su impatto riaperture

  • Covid: Riccardi/Roberti, bene adesione vaccinazioni forze dell'ordine

  • Cultura: Gibelli, con Legno Vivo nuovi percorsi formazione artigiani

  • Istruzione: Rosolen, nuovo corso specializzazione settore dell'arredo

  • Turismo: Bini, Fvg propone a ministro Fondo di rotazione nazionale

  • Enti locali: Roberti, accordo Comuni Collio dimostra efficacia riforma

Torna su
TriestePrima è in caricamento