Autonomie locali: eletto il presidente del Consiglio autonomie locali

Udine, 02 apr - Il Consiglio delle autonomie locali (Cal) ha eletto il nuovo vertice.

A presiedere l'organismo consultivo del sistema delle autonomie è stato eletto il sindaco di San Vito al Tagliamento, vicepresidente il sindaco di Gemona del Friuli.

La votazione ha regisitrato l'astensione di uno dei diciotto rappresentanti del sistema delle autonomie presenti alla seduta, svoltasi Udine.

Il Cal ha quindi espresso parere unanimemente favorevole, sempre diciotto i consiglieri presenti, su due provvedimenti della Giunta regionale, riguardanti rispettivamente le politiche sociali e gli enti locali.

Il primo provvedimento, presente il vicepresidente della Regione, riguarda l'attuazione dell'atto di programmazione regionale in materia di lotta alla povertà e all'esclusione sociale per il triennio dal 2018 al 2020, e si riferisce agli obiettivi e indicatori del risultato, nonché ai tempi per la programmazione locale.

Sulla base di tale provvedimento, i servizi sociali dei Comuni dovranno trasmettere entro il 30 aprile alla Direzione centrale della salute, politiche sociali e disabilità il documento di programmazione locale attuativo dell'atto di programmazione regionale.

A partire dal 2020, entro il primo quadrimestre di ogni anno, gli stessi servizi dei Comuni dovranno inviare il report di monitoraggio, nel quale saranno riportati i valori degli indicatori risultanti alla data del 31 dicembre dell'anno precedente, evidenziando eventuali criticità che richiedano modifiche alla programmazione.

Il secondo provvedimento che ha ottenuto parere unanimemente favorevole dal Cal riguarda l'abolizione del sistema premiale e sanzionatorio per l'utilizzo degli spazi finanziari regionali da parte dei Comuni.

Presente l'assessore regionale alle Autonomie locali, è stato ricordato che la legge di assestamento di bilancio 2018, anche recependo una sentenza della Corte costituzionale, ha modificato la norma per l'utilizzo di tali spazi finanziari. In questo modo si consente alle amministrazioni locali di considerare l'avanzo di amministrazione tra le entrate, al fine di poter conseguire il pareggio di bilancio, rendendo così di fatto inutile l'applicazione del sistema sanzionatorio e premiale nei confronti dei Comuni. ARC/CM



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Covid: Fedriga, ordinanza ultimo sforzo Fvg. Governo vaccini come GB

  • Casa: Fedriga, ordinanza Tribunale Udine discrimina cittadini italiani

  • Porto vecchio: Fedriga, accordo fondamentale per attrarre investimenti

  • Sicurezza: Roberti, necessario far luce su contatti passeur-terroristi

  • Covid: Bini, da 18/3 ristori da 500 a 10mila euro ad attività in crisi

  • Vaccini: Fedriga, certezze su dosi e tempi

Torna su
TriestePrima è in caricamento