BANDA ULTRA LARGA: SÌ AL PIANO NAZIONALE MA ATTENTI A OGNI INIZIATIVA

Trieste, 19 gen - "Oggi abbiamo potuto apprendere ulteriori e importanti dettagli del Progetto Rural Networks / RuNe, in attesa delle necessarie formalizzazioni": così l'assessore regionale delegato all'Agenda Digitale Paolo Panontin al termine dell'audizione in IV Commissione a cui ha partecipato anche in rappresentanza dell'assessore regionale alle Infrastrutture Mariagrazia Santoro.

Alla Commissione è stato illustrato anche il Piano nazionale per la banda ultra larga a cui aderisce la Regione Friuli Venezia Giulia, che conta sulla possibilità di accedere alle risorse della delibera del Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (CIPE) dell'agosto 2015 pari a 2,2 miliardi di euro.

"In questo contesto, in attesa dei dovuti atti formali - ha osservato Panontin - verificheremo la compatibilità di progetti privati o misto pubblico-privati con il Piano nazionale e valuteremo nel concreto qualunque iniziativa venga proposta, in particolare se con elementi di integrazione transfrontaliera e a valere su fondi europei".

"Da parte della Regione viene confermata la massima attenzione", ha concluso l'assessore.

ARC/RM/com



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Casa: Fedriga, ordinanza Tribunale Udine discrimina cittadini italiani

  • Covid: Bini, da 18/3 ristori da 500 a 10mila euro ad attività in crisi

  • Sicurezza: Roberti, necessario far luce su contatti passeur-terroristi

  • Vaccini: Fedriga, certezze su dosi e tempi

  • Infrastrutture: Pizzimenti, 1,8 mln per banda larga nelle Pa

Torna su
TriestePrima è in caricamento