BANDO DIRETTORE AMBIENTE: REGIONE HA RISPOSTO A INGEGNERI SU REQUISITI

Udine, 18 set - "Posso escludere nel modo più assoluto vi sia stato un pregiudizio nei confronti degli ingegneri, e ribadisco che la procedura adottata ha inteso contemperare la natura fiduciaria dell'incarico con l'interesse pubblico e il buon andamento dell'Amministrazione".

Lo afferma il direttore generale della Regione Friuli Venezia Giulia Roberto Finardi nella lettera di risposta datata 14 settembre, indirizzata alla Federazione degli Ordini degli Ingegneri.

Non vi è dunque un "mancato riscontro" da parte della Regione alla lettera nella quale i quattro Ordini provinciali contestavano la mancanza del requisito della laurea in ingegneria nell'avviso per il conferimento dell'incarico di nuovo direttore centrale Ambiente ed Energia, come oggi richiamato dalla stampa locale, ma anzi, la direzione generale della Regione precisa "che è stato dato riscontro alla nota della Federazione degli Ordini degli Ingegneri del 25 agosto con una lettera datata 14 settembre, trasmessa via Posta Elettronica Certificata (PEC) e regolarmente recapitata".

La direzione generale della Regione rende noto anche che "i contenuti erano stati anticipati la settimana precedente all'invio della lettera con un colloquio telefonico intercorso tra lo stesso direttore generale e il presidente della Federazione".

In sintesi, nella lettera di risposta la Regione faceva presente che "pur essendo gli incarichi apicali a carattere fiduciario e non assoggettati a un preciso obbligo di procedura selettiva, ciò nonostante l'Amministrazione ha ritenuto che lo strumento di un avviso pubblico teso a raccogliere manifestazioni di interesse all'affidamento dell'incarico fosse una buona opportunità per l'individuazione del soggetto maggiormente rispondente alle esigenze dell'Ente".

A tale proposito, c'è da rilevare che l'attuale struttura della direzione centrale Ambiente ed Energia della Regione ha una significativa presenza di dirigenti tecnici: su otto posizioni dirigenziali sei sono ricoperte da professionalità tecniche - cinque ingegneri civili, tra cui il vicedirettore e un architetto.

L'indicazione di un profilo giuridico è stata quindi - ricorda la direzione generale - una precisa scelta che l'Amministrazione regionale ha operato nell'esercizio della propria autonomia organizzativa.

ARC/EP



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Scuola: Rosolen, con zona arancione in aula le medie e 50% superiori

  • Vaccini: Riccardi, in due ore quasi 10mila prenotazioni tra 60-69 anni

  • Vaccinazioni: Riccardi, superate le 22mila adesioni nella fascia 60-69

  • Vaccini: Riccardi, 13/4 agende aperte per inoculazioni palestra Sacile

  • Semplificazione: Callari, ddl snellirà procedimento amministrativo

Torna su
TriestePrima è in caricamento