Notizie dalla giunta

Biodiversità: al via campagna social Regione su specie aliene invasive

Udine, 1 giu - Aumentare nei cittadini la consapevolezza dell'importanza della biodiversità, far conoscere le specie aliene invasive e i problemi che causano alla salute dell'uomo e all'economia e stimolare comportamenti responsabili per conservare un rapporto equilibrato tra uomo e natura. Sono gli obiettivi di una campagna informativa che da giovedì 3 giugno prenderà il via sui canali social della Regione: con brevi video e infografiche animate condivise sul canale youtube e mini infografiche statiche con post facebook settimanali verranno affrontati temi legati alla biodiversità e ai problemi causati dalle specie aliene (Ias - invasive alien species) in Friuli Venezia Giulia. La campagna, realizzata dal Servizio biodiversità della Direzione centrale risorse agroalimentari, forestali e ittiche, durerà fino a fine ottobre 2021. Molti cittadini non conoscono le specie aliene invasive animali e vegetali, trasportate accidentalmente o volontariamente dall'uomo al di fuori del loro naturale ambiente e che si riproducono in maniera incontrollata a scapito delle specie autoctone e i danni da loro causati. Eppure le Ias sono la seconda causa di perdita di biodiversità e causano, nella sola Europa, danni stimati in circa 30 miliardi di euro all'anno, pari a 5 volte il budget europeo per la cultura (2018). Questo problema deve essere affrontato sia dalle istituzioni, sulla base di normative europee e nazionali, che dai cittadini: questi ultimi svolgono un ruolo fondamentale per prevenire l'arrivo di specie aliene invasive e contrastare le popolazioni già presenti, soprattutto quando si sono appena insediate. Il coinvolgimento di tutta la popolazione nella campagna informativa potrà quindi contribuire alla conoscenza del problema delle specie aliene invasive e al suo contrasto capillare. ARC/Com/EP/gg


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Biodiversità: al via campagna social Regione su specie aliene invasive

TriestePrima è in caricamento