BURGO: SERRACCHIANI, NO LICENZIAMENTI E AZIENDA DIMOSTRI SUO VALORE

Trieste, 17 nov - "La vertenza Burgo è dura e complessa ma il Tavolo di oggi al Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE), a cui la Regione Friuli Venezia Giulia ha chiesto e ottenuto di partecipare, ha ribadito la posizione ferma e allineata di Organizzazioni Sindacali e Istituzioni contro i licenziamenti a San Giovanni di Duino (TS)".

Lo ha affermato la presidente della Regione Debora Serracchiani al termine della riunione a Roma nella sede del MiSE sulla crisi del Gruppo cartario, che ha annunciato il licenziamento di 153 lavoratori dello stabilimento duinese collegato alla dismissione della Linea 2 di produzione.

Al Tavolo convocato dal MiSE erano presenti i rappresentanti dei lavoratori e della proprietà Burgo, oltre alla Regione che segue da vicino la vertenza e già la settimana scorsa a Trieste aveva convocato le parti per un confronto sulla procedura avviata dal Gruppo.

"Regione e MiSE procedono in piena sintonia sul caso Burgo - ha rilevato Serracchiani -. Da parte nostra ci impegniamo a individuare forme di accompagnamento che possano favorire l'uscita da questa situazione critica per salvaguardare lavoro e attività industriale in provincia di Trieste".

"Dall'Azienda - ha reso noto la presidente della Regione - è stata manifestata una minima apertura rispetto alle decisioni su tagli occupazionali e di produzione, apertura che lascia margini per una riconvocazione del Tavolo a Roma giovedì 26 novembre, mentre non sono state presentate le informazioni documentate richieste nella riunione di Trieste in merito alla struttura del Piano industriale, al quale evidentemente si ricollegano le decisioni aziendali".

Il Gruppo in crisi conta stabilimenti tra l'altro anche a Villorba (TV) e a Verzuolo, in provincia di Cuneo, dove il ciclo produttivo è sceso a ritmo parziale. "In una situazione complessa e di difficile lettura, siamo compatti a fianco dei 153 lavoratori e delle loro famiglie e agiamo su tutti gli spazi di manovra disponibili", ha assicurato Serracchiani. "Il Gruppo Burgo - ha concluso - faccia ora passi avanti e dimostri di essere all'altezza del suo nome".

ARC/PPH



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Salute: Riccardi, primo confronto su Rar con sindacati medici

  • Ristori: Bini, domani al via le liquidazioni a oltre 6mila richiedenti

  • Corpo forestale: Zannier, confermati funzioni e compiti

  • Demanio: Callari, in Fvg certezze per gli operatori balneari

  • Friulano: Roberti, 27 audiovisivi per bambini strumento grande utilità

Torna su
TriestePrima è in caricamento