Canale Barbana: Procura dissequestra area cantiere

Udine, 6 luglio - La Procura di Gorizia, dopo avere esaminato gli atti relativi al sequestro disposto lunedì 3 luglio su una porzione del tratto lagunare del Canale di Barbana (Grado), ha disposto ieri il dissequestro dell'area di destinazione dei materiali di dragaggio oggetto dell'intervento manutentivo realizzato dall'Amministrazione regionale per garantire la navigazione in sicurezza in occasione della tradizionale processione al santuario di Barbana.

Il dissequestro è intervenuto perché il pubblico ministero ha ritenuto che l'area di deposito dei sedimenti sia stata individuata correttamente sulla base di idonee analisi svolte dall'Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente (Arpa) nel rispetto della normativa.

Restano ancora sotto sequestro le attrezzature, di proprietà della ditta incaricata di effettuare i dragaggi, in quanto gli inquirenti intendono verificare se il posizionamento delle tubature e la movimentazione della gru abbiano determinato un danno alla barena.

Gli ulteriori accertamenti saranno svolti nei prossimi giorni e per questo i lavori rimangono ancora sospesi. ARC/COM/ep
 



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Covid: Fedriga, serve evidenza scientifica su impatto riaperture

  • Salute: Riccardi, dal 2 marzo riparte ortopedia a San Daniele

  • Cultura: Gibelli, dal 1/3 15 giorni per domande ristori fondo perduto

  • Carburanti: Scoccimarro, prorogato di un mese super sconto Zona 1

  • Enti locali: Roberti, accordo Comuni Collio dimostra efficacia riforma

  • Lavoro: Rosolen, via a selezioni per corsi mirati per il turismo

Torna su
TriestePrima è in caricamento