rotate-mobile
Notizie dalla giunta

Commercio: Bini, a Buttrio negozi di vicinato per servizi e sociale

Buttrio, 5 apr - "La Regione c'è e sarà sempre accanto ai negozi di vicinato che come abbiamo capito dall'esperienza della pandemia sono le componenti essenziali per far rivivere le nostre comunità fornendo servizi e contribuendo anche a far crescere il sociale. L'esempio di Buttrio ne è una chiara evidenza tanto che questo è uno dei comuni da cui è giunto il maggior numero di richieste di sostegno sul bando regionale per i piccoli negozi". È quanto ha detto l'assessore regionale alle Attività produttive e turismo Sergio Emidio Bini intervenendo lunedì sera alla presentazione della Via del Tiglio a Buttrio, un'iniziativa che aggrega nove realtà economiche nell'obiettivo di fare rete, rafforzando la collaborazione tra imprese presenti in una delle vie del centro. Ne fanno parte un panificio, una società di consulenza del lavoro, una latteria sociale, uno studio professionale per massaggi, due parrucchiere, una macelleria, una multi-rivendita, un'azienda del settore della sedia. L'iniziativa rientra, inoltre, nell'associazione "Buttrio cento attività per te" il circuito su cui si fonda il locale centro commerciale naturale. L'evento è stato l'occasione per riflettere sull'andamento economico e sulle esigenze del tessuto commerciale. "Il mondo delle botteghe non è finito ma non deve pretendere di concorrere con le nuove modalità di acquisto - ha sottolineato Bini - non c'è modo infatti di fermare fenomeni globali come il commercio elettronico, che però va regolamentato almeno dal punto di vista fiscale. I piccoli centri storici, invece, possono conoscere una nuova vita a patto che i negozi che vi hanno sede trovino il modo per specializzarsi nei servizi e nella qualità di prodotto che è sempre altamente ricercata". Bini ha ricordato che "nel contesto pandemico l'Amministrazione regionale ha agito in due fasi: la prima, quella emergenziale, ove era necessario tamponare gli effetti del lockdown forzato dalla pandemia, con cinque bandi abbiamo messo a disposizione del tessuto economico locale oltre 70 milioni di euro di risorse regionali per ristori a fondo perduto. La seconda fase invece è quella che ci ha visti già lavorare per il post pandemia, al fine di farsi trovare pronti al momento della ripartenza. Adesso incalza invece la crisi energetica e l'aumento dei costi delle materie prime dovuti alla guerra in Ucraina, una situazione su cui possiamo incidere meno, ma la Regione ha già avviato confronti stretti con le altre regioni e con il ministero". Quanto ai negozi di vicinato Bini ha sottolineato che "nel caso specifico di Buttrio, registriamo con favore che il Comune, unitamente a quelli di Remanzacco, Moimacco e Pradamano ha già trasmesso alla Regione la costituzione del Distretto con la proposta progettuale che è al vaglio degli uffici per poter dar seguito alle linee guida regionali sulle quali stiamo lavorando e contiamo di far uscire entro l'estate. A breve inizieremo ad incontrare tutte le amministrazioni comunali che stanno avanzando proposte, comprese quelle di questo Distretto". A presentare l'iniziativa Filippo Meroi, uno dei titolari delle aziende coinvolte, assieme all'assessore comunale allo sviluppo economico Tiziano Venturini e al presidente dell'associazione AutoAmica, Gloria Giordano a cui è stato consegnato un assegno di 2.425 euro raccolti tra i cittadini per sostenere l'attività di trasporto che il sodalizio svolge da oltre vent'anni a favore delle persone che devono recarsi presso le strutture sanitarie della regione. ARC/SSA/al


In Evidenza

Potrebbe interessarti

Commercio: Bini, a Buttrio negozi di vicinato per servizi e sociale

TriestePrima è in caricamento