rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Notizie dalla giunta

Consorzio Collio: Regione, 60 anni di scelte lungimiranti

Udine, 31 mag - Un plauso alla lunga storia del Consorzio che, in questi 60 anni, ha sempre saputo rispondere alle sfide con scelte lungimiranti, con la capacità di fare rete e tutelando i vitigni autoctoni della zona che sono, a tutti gli effetti, i più conosciuti e apprezzati del Friuli Venezia Giulia, in Italia e nel mondo. E' la sintesi del messaggio che l'assessore regionale alle Attività produttive e Turismo ha portato oggi, in occasione del convegno su 'Collio, un viaggio lungo 60 anni', a Villa Russiz a Capriva del Friuli dove l'esponente dell'Esecutivo ha consegnato anche una targa commemorativa, a nome del governatore del Friuli Venezia Giulia, al presidente del Consorzio per i sessant'anni dell'ente consortile più antico in regione e terzo in Italia (dopo Chianti e Barolo). Istituito il 31 maggio 1964, il Consorzio ha ottenuto la Denominazione di origine controllata nel 1968, conta circa 270 produttori tra viticoltori e imbottigliatori e circa 1.300 ettari vitati Doc. L'esponente dell'Esecutivo ha sottolineato l'importanza di proseguire nel lavoro di squadra con le istituzioni, PromoturismoFvg, i consorzi e gli imprenditori, affinché i prodotti enogastronomici di qualità del territorio diventino sempre di più il biglietto da visita del Friuli Venezia Giulia nel mondo; in questo senso riveste un importante ruolo la strategia di promozione regionale, con il claim identitario 'Io sono Friuli Venezia Giulia', che ha contribuito ad una crescita esponenziale per il turismo. Il comparto enogastronomico in Friuli Venezia Giulia vale da solo 1,4 miliardi di export ed ha ancora ampi margini di crescita, secondo l'assessore regionale, che ha evidenziato come esso rappresenti un fattore trainante per l'economia e il turismo oltre che elemento di attrazione e riconoscibilità all'estero; si pensi, ad esempio, ai rinomati vini del Friuli Venezia Giulia, veri e propri ambasciatori del territorio. In questo contesto, l'Amministrazione regionale ha messo in atto una strategia di promozione a livello nazionale e internazionale per far conoscere e valorizzare le proprie eccellenze agroalimentari e i relativi territori tanto che, come dimostrano i primi risultati, le produzioni agroalimentari e la tradizione culinaria si posizionano al primo posto tra i fattori di attrazione per i turisti stranieri. L'esponente regionale ha espresso un apprezzamento anche per la capacità del Consorzio di evolversi e di rispondere alle sfide guardando, oggi, alla sostenibilità ambientale, alla sperimentazione vinicola e alla ricerca. Sul versante dell'estero, l'obiettivo è la promozione del brand Collio negli Usa, in Asia ed America Latina. L'assessore ha quindi ricordato l'impegno regionale nel promuovere e far conoscere le eccellenze del food and wine del Friuli Venezia Giulia sul mercato statunitense: nel primo semestre del 2023 il Friuli Venezia Giulia ha esportato negli Stati Uniti un valore pari a 69,3 milioni di euro di alimenti e bevande. A trainare questi risultati è il settore vitivinicolo. Le esportazioni di bevande, infatti, sono aumentate del 12,5% nell'ultimo anno e addirittura del 65,4% se allarghiamo lo sguardo all'ultimo quadriennio. ARC/LP/al

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consorzio Collio: Regione, 60 anni di scelte lungimiranti

TriestePrima è in caricamento