rotate-mobile
Notizie dalla giunta

Cooperazione: con GO!2025 Fvg e Slovenia modello di rinascita Ue

Gorizia, 29 mag - La Capitale europea della Cultura 2025 fondata sulla cooperazione tra Gorizia e Nova Gorica rappresenta per la Regione un esempio di rinascita dei territori e un modello di rifondazione dell'Unione europea. Per il Friuli Venezia Giulia, unica delle regioni italiane ad avere due confini con Stati dell'Unione, investire su GO!2025 è stata una missione naturale.

È questa una delle direttrici che l'assessore regionale alle Finanze ha indicato come prioritarie tra gli obiettivi della manifestazione internazionale e su cui è stata chiamata a confrontarsi nell'ambito della tavola rotonda "Nova Gorica Gorizia capitale europea della Cultura 2025: ambizioni e sfide delle due comunità di confine". Al confronto hanno preso parte anche i sindaci di Gorizia e di Nova Gorica, il segretario generale dell'Iniziativa centro europea Roberto Antonione, il presidente dell'Istituto Robert Schuman, Doris Pack, e la moderatrice Nina Kodelja del segretariato Ince.

L'evento era inserito nel programma della seconda giornata di lavori promossi dall'Ince e dall'Istituto Robert Schuman su "Cooperazione territoriale, collaborazione multilivello e integrazione europea: la lezione impressa dal confine italo sloveno" che ha visto susseguirsi a Gorizia, tra ieri e oggi, numerosi rappresentanti internazionali delle istituzioni, del mondo economico e culturale.

Per la Regione sarà fondamentale cogliere tutte le occasioni di sviluppo che giungeranno da GO!2025 e che non si sostanziano esclusivamente negli eventi inclusi nel Bid-book, ma negli investimenti per oltre 130 milioni di euro di fondi propri con cui l'Amministrazione regionale ha voluto offrire concrete opportunità di costruire un nuovo futuro per i nostri giovani. La Capitale europea della Cultura è una scommessa vinta già nel momento in cui le due città si sono strette la mano per affermare con convinzione l'idea di una nuova pagina della nostra storia, dove la popolazione ha sempre saputo superare i confini e cogliere il limes come opportunità e non come ostacolo.

Questo territorio, oltre a una grande storia, offre sostanziali potenzialità di crescita e formazione per i giovani, grazie anche alla presenza delle Università di Udine e Trieste; a ciò si aggiungono le opportunità realizzate con i fondi strutturali e quelli di cooperazione, tanto che la Regione ha ottenuto diversi riconoscimenti sulle progettualità Interreg, grazie agli strumenti innovativi messi in campo.

L'assessore ha poi richiamato le progettualità concrete nel campo dei trasporti pubblici e della rigenerazione urbana in chiave sostenibile. Sotto il profilo culturale e turistico l'esponente dell'Esecutivo regionale ha poi ricordato che la Capitale europea coinciderà anche con l'anno del Giubileo pertanto molti investimenti sono stati orientati al turismo lento, con la valorizzazione dei cammini religiosi, in primis la Romea Strata, della rete ciclabile transfrontaliera e con l'attivazione di mezzi di trasporto pubblici transfrontalieri. ARC/SSA/ma
 



In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cooperazione: con GO!2025 Fvg e Slovenia modello di rinascita Ue

TriestePrima è in caricamento