Coronavirus: Bini e Zannier, progetto per vendere in rete prodotti Fvg

Udine, 3 apr - Una piattaforma online e una rete di vendita dei prodotti locali del Friuli Venezia Giulia che si appoggi sui Comuni e sulle ProLoco.

È questo in sintesi il progetto a cui stanno lavorando congiuntamente gli assessori regionali alle Attività produttive, Sergio Emidio Bini, e alle Risorse agroalimentari, forestali e ittiche, Stefano Zannier, assieme al cluster AgrifoodFvg, a PromoturismoFVG, al sistema delle ProLoco regionali e all'Anci Fvg.

"L'idea - ha spiegato Bini - è quella di favorire il più possibile l'acquisto di produzioni locali che in questo momento di emergenza, da un lato, godono di una crescita della domanda interna da parte dei consumatori, dall'altro, scontano dimensioni e strutture che non consentono loro di garantire al meglio la possibilità della vendita online o della consegna a domicilio".

"Il lancio dell'iniziativa #iocomproFVG - ha aggiunto Zannier - ha avuto un forte richiamo tanto che ci stiamo scontrando con tentativi di imitazione se non addirittura di "scippo" del marchio. Ma il progetto della Regione intende superare l'emergenza e favorire la creazione di una piattaforma regionale che attivi una vera e propria filiera commerciale, promozionale e distributiva dei prodotti agroalimentari locali".

Una cabina di regia operativa, diretta dal Cluster AgrifoodFvg e supportata da PromoTurismoFVG, dall'Anci e dalle ProLoco, sta già lavorando alla realizzazione di una vetrina web che aggreghi l'offerta a livello locale (a partire da quanto già realizzato da AgrifoodFvg con #iocomproFVG sul proprio sito) e alla possibilità, con l'appoggio di una piattaforma logistica alimentare e di un sistema di pagamenti online, di distribuire la merce in maniera capillare nei vari Comuni.

Parallelamente PromoTurismoFVG sta lavorando al rafforzamento della promozione dei prodotti locali nel circuito della grande distribuzione (supermercati) dove le abitudini di consumo, a seguito dell'emergenza Covid-19, si sono fortemente orientate sui marchi e sulle specialità a chilometro zero. "C'è un cambio di sensibilità negli acquisti alimentari da parte dei consumatori - hanno commentato Bini e Zannier - e riteniamo possa essere uno degli effetti positivi che ci lascerà questa pandemia e che dovremo saper valorizzare quando, speriamo presto, si tornerà alla normalità". ARC/SSA/pph



In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TriestePrima è in caricamento