Coronavirus: Fedriga, annullare contributo finanza pubblica 2020-21

Trieste, 17 apr - "A causa dell'impatto devastante che l'emergenza Coronavirus sta avendo sul Friuli Venezia Giulia, anche dal punto di vista economico, abbiamo formulato ufficialmente al Governo la nostra richiesta di non versare allo Stato le risorse previste per il biennio 2020-2021 nell'ambito della partecipazione della nostra Regione al risanamento della finanza pubblica".

Ne dà notizia il governatore Massimiliano Fedriga che oggi, insieme ai presidenti delle altre Regioni a Statuto speciale e delle Province autonome, ha incontrato in videoconferenza il ministro per gli Affari regionali e autonomie Francesco Boccia.

"Si tratta del primo passo di un percorso molto più articolato che abbiamo iniziato a fare insieme all'Esecutivo nazionale - precisa Fedriga -. Dopo l'approvazione del Documento di economia e finanza (Def), che rappresenta il principale strumento di programmazione della politica economica e di bilancio del nostro Paese, inizieremo infatti a ragionare con il Governo in modo più organico sulle quote previste per gli anni a venire".

"La previsione di misure di riequilibrio dei bilanci dei comuni del nostro territorio, facendoli transitare su quello della Regione, è stata un'altra istanza avanzata all'Esecutivo nazionale". "Quella odierna è stata anche l'occasione per chiedere a Roma la possibilità di poter ampliare le regole sul debito. Al momento infatti le leggi permettono alla Regione di indebitarsi solo se utilizza il denaro per investire sul patrimonio pubblico, ma non per erogare contributi a cittadini o imprese né per spese di natura corrente. Il tutto - spiega il governatore - a dispetto del fatto che il Friuli Venezia Giulia vanti un rating nettamente migliore a quello medio delle altre Regioni".

"Ecco perché - conclude Fedriga - un'apertura in tal senso risulterebbe fondamentale per la salute del nostro bilancio e per poter conseguentemente dare risposte immediate alle attività produttive e alle famiglie". ARC/RT/pph



In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TriestePrima è in caricamento