Coronavirus: Fvg attua linee guida stabilite da Governo su Tpl



Trieste, 9 set - Il Friuli Venezia Giulia attua quanto stabilito a livello nazionale dalla Conferenza delle Regioni recependo le linee guida sul Trasporto pubblico locale contenute nel Dpcm 7 settembre 2020 che fissano all'80% l'occupazione massima dei posti disponibili sui mezzi del sistema di Trasporto pubblico locale.

A stabilirlo è l'Ordinanza contingibile e urgente di Protezione civile numero 28 firmata dal Governatore della Regione dopo il confronto avvenuto tra le Regioni e il Governo, che si è impegnato a mettere a disposizione delle Amministrazioni regionali i fondi necessari per garantire l'attivazione di azioni volte a compensare la riduzione del numero di posti disponibili sui mezzi.

Nello specifico vengono quindi applicate sull'intero territorio regionale le disposizioni del Governo, che fissano all'80% dei posti omologati la capienza massima dei mezzi impiegati nei servizi di trasporto pubblico locale di linea, ferroviario e automobilistico e dei servizi di trasporto scolastico dedicato (scuolabus) per i servizi del Tpl (urbano ed extraurbano) svolti in modalità automobilistica e ferroviaria, privilegiando l'utilizzo dei posti a sedere, e che sanciscono un'analoga prescrizione anche per i servizi di linea svolti mediante sub affidamento.

Per quanto riguarda i servizi di trasporto scolastico dedicato (scuolabus) agli alunni delle scuole d'infanzia, primarie e secondarie di primo grado svolti con modalità automobilistica è ammessa l'occupazione sino al 100% dei posti per un massimo di 15 minuti (alla fine della corsa nel percorso casa-scuola o all'inizio della corsa nel percorso scuola-casa).

Un'eccezione al limite massimo d'occupazione all'80% è stabilita invece per i servizi Ncc, Taxi e il trasporto pubblico funiviario, per i quali rimane in vigore quanto previsto dalle disposizioni dell'Ordinanza contingibile e urgente 19/2020.

Le aziende di trasporto pubblico locale sono tenute assicurare una costante ed efficace informazione e il controllo sull'obbligo di corretto utilizzo delle mascherine a bordo dei mezzi è demandata alle aziende del Tpl e ai vettori dei servizi di trasporto non di linea, compresi Ncc, Taxi e quelli svolti mediante autobus, ed ai gestori degli impianti a fune.

Vengono inoltre confermate la Cabina di regia sul Tpl attivata a marzo e coordinata dall'assessore regionale alle Infrastrutture e Territorio con le aziende del comparto e le organizzazioni sindacali, finalizzata ad individuare le azioni da intraprendere a favore dei viaggiatori, e l'istituzione di uno specifico tavolo di lavoro regionale comprendente tutti i soggetti interessati per la definizione dei servizi da attuare per l'anno scolastico 2020-21. ARC/MA



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Solidarietà: Roberti, 'S. Nicolò si mette in moto' dona tanti sorrisi

  • Covid: Fedriga, dati in miglioramento, nessuna ipotesi zona rossa

  • Covid: Riccardi, bene risposta popolazione a test aree alto contagio

  • Covid: Riccardi, a Tolmezzo valutate possibili indagini più puntuali

  • Covid: Riccardi, domani test a Sutrio e in tutta la Valcellina

Torna su
TriestePrima è in caricamento