Coronavirus: Pizzimenti, servizio Tpl rimodulato su esigenze emergenza

Udine, 1 apr - A partire dalla giornata di lunedì 30 marzo il servizio di trasporto pubblico locale sul territorio regionale ha subito ulteriori rimodulazioni che hanno interessato in particolare i servizi urbani di Pordenone e Gorizia e alcuni servizi extraurbani.

Lo ha comunicato oggi l'assessore regionale alle Infrastrutture e Territorio, Graziano Pizzimenti, al termine della seconda riunione della Cabina di regia sul Tpl.

"Dall'analisi svolta sui dati forniti dalle aziende di trasporto pubblico locale e raccolti dagli uffici regionali - ha commentato Pizzimenti - non abbiamo rilevato situazioni di criticità nell'attuale assetto dei servizi, anzi, le modalità operative adottate consentono di operare con tempestività interventi localizzati nel caso vengano rilevate esigenze puntuali di intensificazione dei servizi, come quelle già attivate da Trieste Trasporti sulle corse da e verso l'ospedale di Cattinara".

"Grazie ad una positiva collaborazione tra Regione, aziende di trasporto e organizzazioni sindacali sono state gestite al meglio tutte le azioni necessarie a tutela dei viaggiatori e dei lavoratori del settore impegnati nella realizzazione dei servizi di Tpl", ha aggiunto l'assessore.

"Ciò - ha ribadito Pizzimenti - consente di mantenere un adeguato presidio territoriale dei servizi a favore delle persone che devono muoversi dai luoghi di residenza per lavoro o motivi di salute".

Nel corso della riunione sono state valutate alcune ulteriori puntuali rimodulazioni di servizi che risultano costantemente non utilizzati, in particolare negli orari di minor frequentazione; rimodulazioni che nei prossimi giorni saranno applicate sui servizi extraurbani gestiti dalla Saf di Udine, assicurando una preventiva e diffusa informazione ai viaggiatori.

L'assessore ha quindi ringraziato "le aziende di trasporto, le organizzazioni sindacali e tutti i lavoratori del settore in servizio per l'impegno assicurato e il positivo contributo fornito nella gestione dell'emergenza Covid-19, nonché per assicurare il presidio di un servizio costantemente monitorato per evitare criticità". Pizzimenti ha anche ricordato "le prossime tappe del lavoro comune che sarà operato all'interno della Cabina di regia a partire delle valutazioni nel caso - ormai certo - di prolungamento del periodo emergenziale e nella gestione di un auspicato non lontano ritorno alla normalità che dovrà necessariamente essere accompagnato con la definizione di modalità che assicurino un efficace presidio anche della mobilità delle persone".

La Cabina di regia sul Tpl è stata istituita con l'ordinanza 2/PC firmata dal governatore del Friuli Venezia Giulia lo scorso 13 marzo al fine di intervenire tempestivamente sulla gestione del trasporto pubblico locale nel rispetto delle disposizioni ministeriali e delle ulteriori valutazioni rimesse alla Regione e via via adottate per il contenimento della diffusione del Coronavirus. ARC/SSA/pph



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Prot. civile: Riccardi, orgogliosi per aiuto comunità Castelsantangelo

  • Ambiente: Scoccimarro, lavoriamo per una regione sempre più verde

  • Montagna: Zilli, proposte sostenibili del territorio per rilancio

  • Turismo: Bini, Pordenone Calcio a Lignano aumenterà attrattività

  • Lavoro: Rosolen, da Governo misure più efficaci contro sfruttamento

  • Sport: Gibelli, intesa con Coni su sanificazione palestre scolastiche

Torna su
TriestePrima è in caricamento