Coronavirus: Riccardi, a Cattinara corretta strategia contenimento

Palmanova, 17 apr - "La chiusura del reparto di Medicina d'urgenza dell'ospedale di Cattinara è una misura adottata sia per tutelare la salute dei sanitari e dei pazienti, sia per consentire un'accurata sanificazione degli ambienti, al fine di cancellare ogni traccia del virus e di conseguenza il rischio di diffusione dell'infezione all'interno dell'ospedale".

Lo ha spiegato il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, in merito alla situazione verificatasi al nosocomio triestino, evidenziando che "l'immediata identificazione di tutte le persone entrate in contatto con i pazienti positivi e il contestuale avvio delle misure di isolamento del virus sono la dimostrazione dell'efficienza del nostro sistema sanitario. In situazioni critiche il tempo di reazione è fondamentale e in questo caso i vertici dell'Asugi hanno preso tempestivamente una decisione coraggiosa e necessaria".

Il vicegovernatore ha confermato che "la chiusura del reparto di emergenza è una misura temporanea. Purtroppo il Covid-19 è un nemico del quale si sa ancora poco e di conseguenza i tamponi non hanno un'affidabilità assoluta. Questi vengono quindi ripetuti nel tempo per assicurare che i cosiddetti 'falsi negativi', in particolare modo se asintomatici, possano causare focolai di coronavirus. In questo caso, quindi, i protocolli operativi adottati in maniera scrupolosa dal personale hanno consentito di ricostruire immediatamente la catena dei contagi e attuare subito le misure di isolamento".

Infine, Riccardi ha dichiarato che "ancora una volta è doveroso esprimere il ringraziamento a tutti i professionisti del comparto sanitario impegnati in prima linea nella lotta al Covid-19, a volte, nonostante il costante utilizzo di dispositivi di protezione, anche a rischio della propria salute". ARC/MA/pph



In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TriestePrima è in caricamento