Coronavirus: Riccardi, contano i numeri non le strumentalizzazioni

Trieste, 24 giu - "Ciò che conta e ciò che resta sono i numeri dei contagi, dei ricoveri, delle terapie intensive e i riconoscimenti oggettivi delle autorità sanitarie su ciò che è stato fatto in Friuli Venezia Giulia".

È il pensiero del vicegovernatore con delega alla Salute e alla Protezione civile Riccardo Riccardi sulla proposta di alcuni consiglieri regionali di istituire una commissione consiliare d'inchiesta sulla gestione dell'emergenza pandemica, proposta bocciata dall'aula del Consiglio regionale.

"Non si può pensare che quanti per far fronte a questa pandemia hanno messo in campo tutte le loro forze, anche personali, possano accettare di essere strumentalizzati dalla richiesta di una commissione d'inchiesta - ha rilevato Riccardi -. Siamo stati solo fortunati in Friuli Venezia Giulia per contagi, ricoveri e decessi? Non solo fortunati", ha annotato.

Riccardi ha evidenziato in Aula il contegno istituzionale sempre osservato dal governatore Fedriga, che si è astenuto da polemizzare con l'esecutivo nazionale anche quando era in disaccordo. Anche per quanto riguarda il consesso regionale, "abbiamo risposto a più di quaranta interrogazioni e ci siamo riuniti tre volte in Commissione in piena emergenza. Abbiamo sempre risposto - ha concluso - e sempre risponderemo a ogni questione legittima posta in maniera seria". ARC/PPH/ma



In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TriestePrima è in caricamento