Coronavirus: Roberti, da Serbia decisioni lungimiranti su immigrazione

Necessari controlli confini e respingimenti migranti illegali

Trieste, 17 mar - "Il Governo serbo ha dimostrato lungimiranza e senso di responsabilità con la decisione di disporre il divieto temporaneo per i migranti irregolari di lasciare i centri di accoglienza nei quali sono ospitati in tutta la nazione, al fine di ridurre la diffusione del Coronavirus. Si tratta di un provvedimento che agevolerà il contenimento del Covid-19 anche in Friuli Venezia Giulia, dato che le strutture serbe sono una tappa di passaggio della rotta balcanica, la quale, come noto, raggiunge la nostra regione".

Lo ha dichiarato l'assessore regionale alla Sicurezza, Pierpaolo Roberti, evidenziando che "in questo momento di estrema difficoltà, ogni nuovo ingresso può comportare dei rischi alla salute per la comunità; una volta giunti sul nostro territorio, molti migranti circolano e si assembrano nonostante le restrizioni imposte a tutto il Paese dal Governo per contenere la diffusione del virus".

Roberti ha quindi auspicato che "ora misure analoghe vengano prese anche dalla Bosnia e che, al contempo, il Governo italiano potenzi i controlli alle frontiere e attui un blocco totale dei migranti illegali, con respingimenti per i clandestini che riusciranno comunque a giungere sui nostri confini". ARC/MA/al



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Turismo: Bini, Pordenone Calcio a Lignano aumenterà attrattività

  • Prot. civile: Riccardi, orgogliosi per aiuto comunità Castelsantangelo

  • Ambiente: Scoccimarro, lavoriamo per una regione sempre più verde

  • Covid: Riccardi, piano pandemico Asugi rafforza ospedali e territorio

  • Agroalimentare: Zannier, a Caseus Veneti protagonisti i caprini Fvg

  • Montagna: Zilli, proposte sostenibili del territorio per rilancio

Torna su
TriestePrima è in caricamento