Coronavirus: Rosolen, proroga per procedimenti contributivi istruzione

Obiettivo non compromettere avvio anno 20/21 e non disperdere l'attività non conclusa

Trieste, 4 apr - "Sono prorogati i termini di diversi procedimenti contributivi nel comparto dell'istruzione a causa dell'emergenza legata al Covid-19: le nuove scadenze contemperano le esigenze di famiglie e scuole, con l'obiettivo di non compromettere l'avvio dell'anno scolastico 2020/2021 e non disperdere l'attività già svolta per il 2019/2020 non conclusa a seguito della sospensione delle attività didattiche".

Ne dà notizia l'assessore regionale all'Istruzione Alessia Rosolen, nel sottolineare che, da un lato, deve essere prevista una scadenza posticipata rispetto alla tempistica ordinaria, in relazione alla situazione di difficoltà in cui operano le scuole e, dall'altro, il termine non può essere prorogato oltre una certa data, per non vanificare le finalità degli interventi stessi.

Nel dettaglio i singoli provvedimenti e le nuove date, ufficializzati con una comunicazione dell'assessore Rosolen in Giunta regionale, sono i seguenti.

Fornitura di libri di testo in comodato gratuito: l'intervento è finalizzato al finanziamento delle spese sostenute dalle scuole che provvedono alla fornitura di libri di testo in comodato gratuito agli alunni iscritti alla scuola secondaria di primo grado e ai primi due anni della scuola secondaria di secondo grado. Le domande sono presentate dalle scuole dal 31 marzo al 15 maggio 2020.

Contributi straordinari per l'acquisto di nuove attrezzature di laboratorio, all'adeguamento dell'impiantistica e delle strutture laboratoriali: si è stabilito di applicare un termine di sospensione di 34 giorni dalla data del 26 febbraio alla data del 31 marzo 2020, fissando il nuovo termine per la presentazione delle domande da parte degli Istituti statali di istruzione professionale e gli Istituti tecnici statali della regione al 19 maggio 2020.

Assegni di studio a favore di studenti della scuola secondaria di secondo grado per l'abbattimento delle spese di trasporto scolastico, l'acquisto libri di testo e l'abbattimento delle spese di ospitalità presso convitti accreditati e assegni di studio per l'abbattimento delle rette di frequenza delle scuole paritarie primarie e secondarie: si tratta di due interventi diretti a tutelare il diritto allo studio e rivolti alle famiglie. Il primo intervento riguarda la concessione di assegni di studio a favore di studenti della scuola secondaria di secondo grado per l'abbattimento delle spese di trasporto scolastico, l'acquisto libri di testo e l'abbattimento delle spese di ospitalità presso convitti accreditati. L'altro intervento riguarda la concessione di assegni di studio per l'abbattimento delle rette di frequenza delle scuole paritarie primarie e secondarie. La scadenza per la presentazione delle domande da parte delle famiglie con Isee fino a 33mila euro viene fissata al 27 maggio 2020, in relazione al perdurare dell'emergenza e delle difficoltà più sopra rappresentate.

"Il nuovo termine - ha spiegato Alessia Rosolen - potrà consentire agli utenti di espletare gli adempimenti a proprio carico e agli uffici di effettuare l'istruttoria delle domande in tempi utili a consentire la liquidazione del beneficio entro il corrente anno, garantendo l'avvio del prossimo anno scolastico con il materiale necessario. Si ricorda che complessivamente le domande presentate annualmente sono circa 10.000 e pertanto posticipare eccessivamente la scadenza potrebbe non consentire agli uffici di effettuare la liquidazione entro l'anno in corso, ma solo ad apertura del bilancio 2021, e quindi solo nei primi mesi del 2021, con un impatto negativo sulle famiglie".

Infine, sono stati prorogati di sei mesi i termini per gli interventi contributivi disciplinati nel Piano annuale per lo sviluppo dell'offerta formativa riferiti all'anno scolastico 2019-2020 in corso: si tratta di interventi già finanziati per l'anno scolastico in corso, finalizzati ad ampliare l'offerta formativa. La Regione finanzia attività proposte dalle scuole e le disciplina tramite bandi o convezioni specifiche: bando per l'ampliamento dell'offerta formativa; bando per la concessione di contributi per il sostegno di iniziative, incontri e viaggi della memoria e del ricordo, da attuarsi a favore delle scuole di ogni ordine e grado; bando per la tutela delle lingue e culture delle minoranze linguistiche storiche; convenzioni per la realizzazione di interventi su tematiche di rilevante interesse in ambito scolastico ed educativo. Con una deroga motivata dall'eccezionalità del momento, queste attività non dovranno essere concluse entro la fine dell'anno scolastico, ma potranno essere prorogate al 31 dicembre 2020. ARC/Com/cca/ep



In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TriestePrima è in caricamento