Coronavirus: università, ecco cosa cambia all'Ardiss

Trieste, 24 feb - Chiusura delle aule studio di Ardiss in tutte le sedi in accordo con le università; sospensione dei servizi a sportello con contestuale potenziamento dell'assistenza telefonica; interruzione della somministrazione dei pasti in mensa e organizzazione per i residenti presso le strutture Ardiss (di Trieste, non dotate di cucine) di sistemi di distribuzione alternativi dei pasti, che prevenga l'ipotesi di assembramenti di persone.

Così l'assessore regionale all'Università ha dato comunicazione delle prime misure assunte dall'Ardiss per fronteggiare la situazione contingente.

Per quanto riguarda la mensa si sta valutando un sistema che preveda una distribuzione di cestini a gruppi ristretti. Una prima ipotesi di lavoro, al momento la più probabile, è che i pasti vengano consegnati a pochi studenti alla volta, con la possibilità che le consegne siano organizzate per singolo piano dell'edificio universitario a Trieste. ARC/Con/pph



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Covid: Fedriga, serve evidenza scientifica su impatto riaperture

  • Salute: Riccardi, dal 2 marzo riparte ortopedia a San Daniele

  • Cultura: Gibelli, dal 1/3 15 giorni per domande ristori fondo perduto

  • Covid: Riccardi/Roberti, bene adesione vaccinazioni forze dell'ordine

  • Carburanti: Scoccimarro, prorogato di un mese super sconto Zona 1

  • Enti locali: Roberti, accordo Comuni Collio dimostra efficacia riforma

Torna su
TriestePrima è in caricamento