Coronavirus: Zannier, al via programma anticrisi per settore primario

Trieste, 9 apr - "Garantire con la massima rapidità al sistema produttivo agricolo e agroalimentare regionale misure di sostegno e di aiuto erogate, vista la grave crisi che sta colpendo il comparto, con condizioni e limiti più favorevoli rispetto a quelli ordinariamente previsti dalle normative nazionali e comunitarie".

Lo ha dichiarato l'assessore del Friuli Venezia Giulia alle Risorse agroalimentari, Stefano Zannier spiegando i contenuti del programma di interventi straordinari "Anticrisi Covid-19" approvato dalla Giunta regionale, "studiato - ha aggiunto - per sostenere le prime esigenze di liquidità e supportare con tempestività le difficoltà economiche e finanziarie nelle quali si trovano le imprese del settore".

La Regione darà subito avvio al programma anticrisi: "Opereremo - ha spiegato Zannier - in via immediata sugli attuali importi disponibili nel Fondo. In questa prima fase, in attesa dell'autorizzazione da parte della Commissione europea legata al Quadro temporaneo comunitario, i finanziamenti saranno concessi con le condizioni vigenti legate al regime "de minimis". Una volta ottenuta l'autorizzazione, saranno erogati nel rispetto delle condizioni e dei limiti del Quadro temporaneo comunitario".

Nell'ottica di garantire sostegno immediato al comparto, la delibera definisce condizioni e modalità di concessione degli aiuti di Stato e individua le tipologie e criteri di finanziamento agevolato legati al Fondo di rotazione in agricoltura.

Gli aiuti di Stato previsti dal programma interessano tutte le imprese dei settori agricolo, forestale e della pesca e acquacoltura del Friuli Venezia Giulia e sono erogati, sotto forma di sovvenzioni dirette, anticipi rimborsabili, agevolazioni fiscali e di pagamento, garanzie, prestiti e partecipazioni. Sono previste concessioni fino a 800 mila euro per le imprese di trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli, fino a 100 mila per le aziende della produzione primaria e fino a 120 mila euro per le realtà che operano nel settore della pesca e dell'acquacoltura.

I finanziamenti agevolati legati al Fondo di rotazione regionale prevedono quote da un minimo di 10 mila euro fino a un massimo di 500 mila euro per le imprese che producono prodotti agricoli o svolgono l'attività di acquacoltura. Per le aziende che trasformano e commercializzano prodotti agricoli o svolgono l'attività di utilizzazione boschiva e di erogazione di servizi di sistemazione e manutenzione idraulico forestale, l'ammontare minimo dei finanziamenti agevolati è pari a 10 mila euro e quello massimo è pari a 800 mila euro, raggiungendo il tetto di un milione di euro per le cooperative e i consorzi.

Ulteriori agevolazioni sono previste per anticipare il valore commerciale dei prodotti agricoli con finanziamenti fino a 300 mila euro, per le imprese con fatturato inferiore a un milione di euro, fino a 500 mila euro, per le imprese con fatturato compreso tra un milione e 2,5 milioni di euro e fino a 800 mila euro, per le imprese con fatturato superiore a 2,5 milioni di euro.

Il programma contempla inoltre forme di finanziamento per l'anticipazione delle spese di conduzione aziendale: in questo caso l'importo massimo è pari al 25% del fatturato annuo riferito all'ultimo esercizio contabile. ARC/CCA/al



In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TriestePrima è in caricamento