Coronavirus: Zannier, chieste a Governo misure per agricoltura e pesca

Udine, 20 mar - Proroghe dei termini di pagamento, anticipi finanziari su canali ordinari, costituzione di fondi specifici e in generale accesso a una maggiore liquidità.

Sono questi alcuni dei provvedimenti urgenti richiesti al Governo per il comparto agricolo e della pesca da parte dell'assessore regionale alle Risorse agroalimentari, forestali e ittiche e alla montagna, Stefano Zannier.

Lo ha comunicato lo stesso assessore nel corso della riunione, tenutasi in videoconferenza, con tutti i rappresentanti regionali delle categorie di comparto. Un tavolo tecnico voluto da Zannier e riunito settimanalmente per raccogliere e condividere informazioni sulla crisi del settore agricolo e ittico determinata dalla pandemia per il Covid-19.

"Ho informato il tavolo di crisi di tutte le interlocuzioni avute con il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali e con le altre Regioni per la condivisione dei provvedimenti e delle proposte da avanzate al Governo" ha informato Zannier, specificando che "in generale, raccogliendo le istanze provenienti dalle imprese, abbiamo avanzato una forte richiesta di liquidità che non trova adeguata copertura nei provvedimenti nazionali".

Zannier si è anche fatto portatore di una richiesta specifica per il settore lattiero-caseario: "ho sollecitato il Ministro alla Salute a fornirci i dati del latte estero conferito in regione e lavorato da trasformatori del Friuli Venezia Giulia; avere un quadro dettagliato dei conferimenti dall'estero, pur utilizzando questi dati strettamente nell'ambito dell'attività interna alla Regione, ci consentirebbe di attuare politiche per favorire, in questo particolare momento, l'utilizzo di latte di produzione regionale".

È stata inoltre richiesta l'istituzione di un fondo specifico per la filiera floro-vivaista o quanto meno la previsione di protocolli di attività che consentano alle aziende di questo specifico settore di continuare a lavorare.

Zannier ha infine confermato la disponibilità della Commissione europea ad avviare una rimodulazione dell'Organizzazione comune del mercato (Ocm), ovvero della regolamentazione unica dell'Unione europea che disciplina il comparto, definendo sia le norme di produzione che i contributi a fondo perduto assegnati alle aziende. Un tavolo tecnico tra Regioni e Ministero è stato avviato per fare una sintesi delle proposte da portare in Commissione, con particolare riguardo all'Ocm vino. ARC/SSA/ma



In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TriestePrima è in caricamento