Covid: Fvg-Confindustria, protocollo prevenzione focolai in aziende

Udine, 18 set - Regione e Confindustria Fvg si apprestano a siglare un protocollo d'intesa per avviare un'attività di prevenzione dell'insorgenza di focolai da Covid-19 nelle grandi aziende.

Il testo dell'accordo è stato approvato oggi dalla Giunta regionale su proposta del vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Salute. L'obiettivo dell'intesa è individuare una grande azienda che per caratteristiche e numerosità della popolazione lavorativa potrebbe rinvenire situazioni di maggior rischio di contagio e avviare al suo interno un'attività sperimentale di prevenzione.

La sperimentazione avrà durata di due mesi e verrà svolta sulla base di una procedura di contenimento dell'infezione predisposta dall'Azienda sanitaria Giuliano Isontino (Asugi) con il coinvolgimento dei medici competenti delle imprese e i datori di lavoro che garantiranno maggiore informazione e controllo dei dipendenti sui sintomi da Covid-19. Considerato l'elevato numero di soggetti positivi al virus ma asintomatici che, se non diagnosticati tempestivamente, potrebbero alimentare focolai, verrà attivata una procedura per individuare precocemente situazioni di rischio, anche sulla scorta di quanto richiamato dall'Inail nel "Documento tecnico sulla possibile rimodulazione delle misure di contenimento del contagio da Sars - Cov-2 nei luoghi di lavoro e strategie di prevenzione" dell'aprile scorso.

Con cadenza settimanale, il datore di lavoro, anche con il coinvolgimento del medico competente, svolgerà un'attività di sensibilizzazione attiva nei confronti dei propri dipendenti, richiedendo loro di comunicare ogni eventuale situazione di rischio infettivo. In caso di situazione di rischio, datore e medico competente potranno procedere a isolare temporaneamente il dipendente, richiedere o effettuare l'esecuzione del tampone, attivare il Dipartimento di Prevenzione. Asugi, attraverso il Dipartimento, comunicherà l'esito al diretto interessato e all'azienda, oltre a mettere in atto tutte le azioni di sanità pubblica previste nei confronti dei soggetti risultati positivi al test che comprendono anche le azioni di tracciamento dei contatti. Inoltre, il monitoraggio si estenderà anche alle aziende appaltatrici che abbiano un coinvolgimento costante nel processo produttivo e Asugi comunicherà ai Comuni interessati l'inizio dell'attività di sorveglianza conseguente alla conferma di un caso positivo.

Spetta ora a Confindustria Fvg comunicare quale fra le sue aziende associate abbia dato la disponibilità a porre in sperimentazione il protocollo, impegnandosi congiuntamente a promuoverne l'adesione e l'operatività anche tra le imprese del suo indotto. L'efficacia del protocollo sarà verificata trascorse tre settimane dall'avvio del progetto pilota; in caso di esito positivo la sperimentazione potrebbe essere estesa anche ad altre aziende associate in tutto il territorio regionale. ARC/SSA/pph



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Risorse agricole: Zannier, divieto concimazione terreni agricoli

  • Tpl: Pizzimenti, da Governo neanche un euro per i servizi aggiuntivi

  • Min. linguistiche: Roberti, ampliata platea bandi Resiano e varianti

  • Assestamento: Pizzimenti, 19 milioni a casa, viabilità e trasporti

  • Assestamento: Zilli, manovra da 215 mln, priorità a economia e sanità

Torna su
TriestePrima è in caricamento