Covid: Riccardi, a Monfalcone situazione adeguatamente monitorata

Pordenone, 21 ott - "Il Sistema della salute del Friuli Venezia Giulia sta affrontando con grande impegno e partecipazione una situazione non facile, rispetto alla quale, come è dimostrato dai numeri, sono state date risposte adeguate. Anche a Monfalcone, come nel resto del territorio regionale, la situazione è sotto controllo, nonostante la particolare condizione della città, che deriva dalla presenza di grossi insediamenti produttivi e dal conseguente movimento di lavoratori dall'estero. Ma ci dobbiamo abituare a convivere con il virus: bisogna continuare a tenere monitorata la situazione, come sta facendo la Regione".

Così il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, che ha partecipato oggi, in videoconferenza, a una seduta del consiglio comunale di Monfalcone.

"Il sistema sanitario - ha sottolineato Riccardi - sta lavorando per essere ancor più efficace se potrà disporre di ulteriori competenze, specialmente nel settore della prevenzione. Inoltre, serve la collaborazione della medicina di base, che svolge un ruolo determinante nella prevenzione nell'ambito della salute territoriale, al fine di evitare un inutile sovraccarico del sistema ospedaliero".

"Per conseguire questo obiettivo - ha aggiunto il vicegovernatore -, e affinché l'impegno che il sistema sanitario del Friuli Venezia Giulia sta profondendo dall'inizio dell'anno possa mantenere l'efficacia con la quale sta operando, c'è la necessità di ulteriore personale preparato: servono competenze che al momento non sono reperibili, anche a causa di una serie di limiti che vanno rimossi. E la Regione sta lavorando su questo, per poter disporre di regole che consentano nuove assunzioni. Nel frattempo, i dati relativi alla pandemia, nel monfalconese, sono in linea con quelli del resto della Regione".

Riccardi, ha quindi colto l'occasione per una riflessione complessiva sull'efficacia della risposta che il Friuli Venezia Giulia ha dato e sta dando in termini di salute dall'inizio della pandemia. Un'efficacia dimostrata anche nella prevenzione: dal fatto che da 200 tamponi al giorno effettuati all'avvio di questa modalità di 'screening', si è arrivati a 4/6 mila attuali.

Come ha concluso il vicegovernatore, per poter consentire al sistema della salute del Friuli Venezia Giulia di affrontare con ancor maggiore efficacia la situazione complessa che si sta palesando, e superare le patologie connesse all'arrivo della stagione invernale affinché non si sovrappongano al Covid, sono necessarie la collaborazione e la condivisione di tutte le istituzioni locali. ARC/CM/gg



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Vitivinicoltura: Fedriga, futuro è coniugare qualità e sostenibilità

  • Covid: Fedriga, parte da sei Comuni lo screening per isolare positivi

Torna su
TriestePrima è in caricamento