Covid: Riccardi, Cjase Balet esempio efficienza pubblico-privato

Curati in loco i pazienti della struttura di Ragogna Ragogna, 9 nov - "Un esempio di efficace collaborazione tra pubblico-privato che ha permesso di gestire al meglio l'emergenza coronavirus all'interno di una struttura residenziale del nostro territorio". Così il vicegovernatore con delega alla Salute Riccardo Riccardi ha definito quanto accaduto all'interno della Cjase Balet presente a Pignano di Ragogna, in cui l'associazione "Il Samaritan Onlus" offre un servizio diurno e residenziale a favore di dodici persone di età diverse e con vari gradi di disabilità. Qui il 16 ottobre si verificò il primo caso di positività in un operatore della struttura e il giorno successivo furono effettuati tamponi rapidi a tutti gli ospiti dai quali emerse la positività dei primi otto ospiti e sei membri del personale. Di lì a poco anche tutti gli altri residenti e il resto del personale risultarono affetti da Coronavirus. Alla presenza del sindaco Alma Concil, del direttore generale dell'Asufc Massimo Braganti e del presidente della Comunità Renzo Casasola, Riccardi ha voluto dapprima ringraziare tutto il personale della struttura che, in ogni momento, è stato vicino e ha seguito gli ospiti con encomiabile impegno e professionalità. "L'operazione compiuta in questa circostanza - ha ricordato Riccardi - è stata quella di curare all'interno di Cjase Balet tutte le persone positive senza doverle trasferire in altre strutture. Ciò è stato possibile grazie all'accordo siglato tra il distretto sanitario al quale è stato demandato il compito di seguire gli aspetti clinici e la cooperativa Universiis che si è occupata della parte assistenziale e alla qualità della vita degli ospiti. Questo modo di agire ha permesso di evitare l'ospedalizzazione delle persone positive, operazione che altrimenti avrebbe comportato un cambiamento di ambiente e soprattutto di relazioni importanti creando un disagio elevato nei pazienti". Riccardi ha infine rivolto un plauso agli operatori della struttura e a quelli della cooperativa che hanno sostituito quanti si sono ammalati e che, insieme agli operatori del distretto, si sono presi cura degli ospiti mantenendoli nel loro ambiente di vita. ARC/AL/pph


In Evidenza

I più letti della settimana

  • Carburanti: Scoccimarro, prorogato di un mese super sconto Zona 1

  • Cultura: Gibelli, dal 1/3 15 giorni per domande ristori fondo perduto

  • Lavoro: Rosolen, via a selezioni per corsi mirati per il turismo

  • Porto Vecchio: Fedriga, ok ad accordo per la riqualificazione

  • Finanza locale: Roberti/Zilli, via alla riforma dei tributi locali

Torna su
TriestePrima è in caricamento