Covid: Riccardi, critiche strumentali su priorità e vaccini di massa

"A stabilire modalità e date è il Governo e non la Regione"

Palmanova, 29 dic - "È il Governo che stabilisce le priorità nei vaccini ed è sempre il Governo che non ha ancora chiarito non solo a noi, ma anche a tutta la nazione, quando arriverà per il resto della popolazione il turno per sottoporsi all'immunizzazione. All'opposizione e ad una parte dei sindacati che in questo momento alzano la voce su questi temi basterebbe dire di rivolgersi a Roma dove hanno un filo diretto con chi governa. Invece in un momento di emergenza credo sia opportuno solamente lavorare per risolvere i problemi della gente".

Così il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute Riccardo Riccardi controbatte alle critiche sollevate in queste ore dalle forze consiliari di minoranza e da una parte dei sindacati sulla gestione della campagna vaccinale in Friuli Venezia Giulia.

"Le rappresentanze dei medici - chiarisce Riccardi - lamentano la metodologia indicata per la prenotazione del vaccino. Su quest'ultimo tema il direttore di Arcs ha esaustivamente spiegato che esistono vari canali per consentire alle categorie prioritarie di fissare la data per l'inoculazione della dose vaccinale. A testimoniare che spesso le lamentele non sono suffragate da dati concreti è il fatto che nella giornata di ieri, in poche ore, sono state quasi 1700 le richieste di prenotazione".

"Infine - conclude Riccardi - siamo ancora in attesa che i vaccini ci vengano consegnati. Ora è ufficiale che le dosi arriveranno domani, imponendoci la modifica delle agende già programmate. Per le case di riposo, la cabina di regia nazionale sta pensando come superare il consenso informato che per gli ospiti sta creando non pochi problemi. Sarebbe facile dire che tutte le polemiche riguardano informazioni che mancano dal Governo e non dalla Regione; preferisco invece non adottare questa linea, perché quando si è in emergenza è normale che ci siano dei problemi e compito delle persone a cui spetta prendere le decisioni è quello di risolvere le criticità. C'è invece chi, non avendo alcuna responsabilità, preferisce elargire a piene mani, in maniera filosofica e poco operativa, critiche e soluzioni". ARC/AL/pph



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Terzo settore: Riccardi, 1,2 mln a 51 progetti per salute e sociale

  • Economia: Bini, ddl 123 sostiene trasversalmente attività produttive

  • Covid: Riccardi, dato impensabile adesione personale Ssr a vaccini

  • Vaccino: Riccardi, da domani riprende somministrazione 1^ e 2^ dose

Torna su
TriestePrima è in caricamento